Passa ai contenuti principali

La scuola secundum legem et scientiam Alla ricerca di una professionalità perduta. Corso di prima formazione per docenti di Enrico Maranzana

La scuola secundum legem et scientiam
Alla ricerca di una professionalità perduta
Corso di prima formazione per docenti
Enrico Maranzana


“L’autonomia si sostanzia di progettualità”, sancisce la norma del 1999.

Ogni scuola può elaborare e gestire le proprie strategie che riguardano:

·         il rapporto scuola società – formazione dei giovani in modo “adeguato all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro”;
·         l’educazione - promozione dell’apprendimento che consiste nel consolidamento delle “capacità e le competenze, generali e specifiche” degli studenti;

·         il coordinamento – l’unicità dell’orientamento del sistema scolastico richiede, come condizione necessaria, la convergenza di tutti gli insegnamenti.

L’incoerenza del sistema normativo ha impedito la realizzazione d’unità scolastiche in grado di intendere e di volere:

·       la legge 107 ha interpretato l’autonomia delle istituzioni scolastiche in funzione dei problemi della dirigenza: la conseguente parcellizzazione l’ha snaturata;

·       la legge costitutiva dell’Invalsi ha sterilizzato la capacità di autogoverno (feed-back): il controllo è stato trasferito a un ente esterno.

L’assenza di professionalità è il secondo impedimento:
·         I dirigenti scolastici vivono nel passato, rifiutano di adeguare la struttura decisionale ai canoni scientifici e normativi, hanno edificato regge per far risaltare la loro figura;
·         I docenti, disinteressati all’interpretazione e all’applicazione delle innovazioni presenti nella legge, supinamente persistono nel loro tradizionale tran-tran;
·         La cultura universitaria, riferimento del Miur, monopolizza la  gestione dell’aggiornamento: la divergenza con la mission della scuola è trascurata.

Ne discende la necessità di ipotizzare percorsi per la preparazione professionale del personale scolastico che valorizzino:


·         Gli aspetti d’ammodernamento presenti nella legge;
·         La visione sistemica;
·         I dettami delle scienze dell’organizzazione;
·         La dilatazione del concetto di disciplina, arricchita dai problemi da cui sono derivate le relative conoscenze e dai corrispondenti metodi d’indagine;

·         Una metodologia didattica in grado di veicolare una corretta ed espansa immagine delle discipline.

La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
PIANO DI LAVORO

L’itinerario è stato pensato per una ventina di persone. Si formeranno quattro gruppi.

Le fasi di un incontro sono generalmente sei:

1.    distribuzione scheda di lavoro: la puntualizzazione del compito;
2.    lavoro di gruppo e stesura del resoconto dell’attività svolta;
3.    intergruppo per la socializzazione delle risposte elaborate;
4.    intergruppo per il confronto e la sintesi delle produzioni;
5.    sistematizzazione: presentazione dello stato dell’arte;
6.    dibattito.

1° incontro     
La comparazione del modello gentiliano con quello odierno facilita la
visione sistemica della scuola.

Fasi e tempi
Presentazione corso e introduzione
5’
Lavoro di gruppo
120’
Intergruppo, confronto, sintesi
30’
Sistematizzazione
15’
Dibattito
10’


La diapositive di sistematizzazione sono visibili all’indirizzo:
Copiate il link – incollatelo nella barra degli indirizzi e confermate per accedete all’anteprima – cursore sulla freccia volta verso il basso in alto allo schermo – click su scaricate

2° incontro    
Una riflessione mirata all’interiorizzazione del concetto di sistema. La
lettura corale delle elaborazioni dei corsisti facilita l’appropriarsi della moderna visione della realtà.

Fasi e tempi
Attività domestica

Lettura produzioni
15’
Dibattito
5’
3° incontro
L’interpretazione della norma sull’autonomia delle istituzioni scolastiche conduce a una visione univoca, unitaria, coordinata, controllata dell’istituzione scolastica.
Fasi e tempi
Lavoro di gruppo
60’
Intergruppo, confronto, sintesi
15’
Sistematizzazione
15’
Dibattito
10’

La diapositive di sistematizzazione sono visibili all’indirizzo:
Copiate il link – incollatelo nella barra degli indirizzi e confermate per accedete alla prima diapositiva – cursore sulla freccia volta verso il basso in alto allo schermo – click su scaricate






4° incontro
L’univocità terminologica è un aspetto da sempre trascurato. Si propone la lettura di un articolo di legge per ricercare il significato delle parole chiave.
Fasi e tempi
Lavoro di gruppo
120’
Intergruppo, confronto, sintesi
30’
Sistematizzazione
15’
Dibattito
15’

La diapositive di sistematizzazione sono visibili all’indirizzo:
Copiate il link – incollatelo nella barra degli indirizzi e confermate per accedete alla prima diapositiva – cursore sulla freccia volta verso il basso in alto allo schermo – click su scaricate




5° incontro
La promozione e il consolidamento delle capacità sono il traguardo del sistema educativo.  La loro rappresentazione grafica favorisce la presa di coscienza del mandato affidato al docente.


Fasi e tempi
Lavoro di gruppo
90’
Intergruppo, confronto, sintesi
30’
Sistematizzazione
15’
Dibattito
15’

La diapositive di sistematizzazione sono visibili all’indirizzo:
Copiate il link – incollatelo nella barra degli indirizzi e confermate per accedete alla prima diapositiva – cursore sulla freccia volta verso il basso in alto allo schermo – click su scaricate




6° incontro
Il disegno dell’organigramma e di parte del sistema informativo favorisce la presa di coscienza del mandato affidato ai docenti.

Fasi e tempi
Lavoro di gruppo
90’
Intergruppo, confronto, sintesi
20’
Sistematizzazione
25’
Dibattito
15’

La diapositive di sistematizzazione sono visibili all’indirizzo:
Copiate il link – incollatelo nella barra degli indirizzi e confermate per accedete alla prima diapositiva – cursore sulla freccia volta verso il basso in alto allo schermo – click su scaricate



7° incontro
Un esercizio elementare, da affrontare a casa, per rinforzare l’adesione al dettato del TU 297/94

La diapositive di PowerPoint con l’esercitazione sono scaricabili all’indirizzo:
La diapositive di PowerPoint con la soluzione sono visibili all’indirizzo:

8° incontro
Il governo di un sistema è reso possibile dalla costituzione di punti d’osservazione, necessari per la capitalizzazione delle informazioni contenute negli scarti obiettivi-risultati (feed-back).

Fasi e tempi
Lavoro di gruppo
90’
Intergruppo, confronto, sintesi
20’
Sistematizzazione
30’
Dibattito
10’

La diapositive di sistematizzazione sono visibili all’indirizzo:
Copiate il link – incollatelo nella barra degli indirizzi e confermate per accedete alla prima diapositiva – cursore sulla freccia volta verso il basso in alto allo schermo – click su scaricate

9° incontro
Produzione di unità d’apprendimento o di mini percorsi

Fasi e tempi
Dichiarazione degli obiettivi
15’
Lavoro individuale domestico
7 gg
Messa in rete delle produzioni

Analisi delle unità d’apprendimento
7 gg
Dibattito
90’
Commento sull’attività svolta
10’


10° incontro
                    Illustrazione e discussione delle unità d’apprendimento prodotte.


La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
Sk. 1


La finalità, la struttura, la professionalità, la strumentazione, le forme di controllo della scuola variano al variare dell’ambiente socio-culturale in cui è immersa.


Proposta di lavoro

a)    Comparate il Regio decreto 6 maggio 1923 n. 1054 [art. 39 .. 64] con l’art. 2 della legge 53/2003[1]  e con il TU 297/94 per identificare:
1.    Le finalità;
2.    La strumentazione;
3.    Le forme di controllo.

b)   Disegnate i due modelli di scuola facendone risaltare la peculiarità più marcata.

c)    Scegliete una parola che sintetizzi l’attuale visione dell’istituzione scolastica.


E’ consentito l’accesso alla rete per ricercare informazioni.



La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
Sk. 2


Attività domestica


Nella cultura contemporanea il concetto di “sistema” è preminente.

Un aforisma mette in risalto una delle sue caratteristiche:

Il tutto è maggiore della somma delle parti



Proposta di lavoro
Individuate un caso che esemplifichi la proprietà enunciata.
La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
Sk. 2

Una proposta risolutiva dell’attività domestica



J. Philoponos VI° secolo D.C.

“Quando ogni corda di una lira è accordata in modo lidio e tutte vengono toccate una per una, senza essere suonate insieme in armonia, certamente ognuna darà da sola la sua nota.



Ma l’armonia che si ottiene quando vengono suonate insieme è chiaramente diversa dal suono di ogni corda presa singolarmente.


Perché l’associazione di tutte crea una forma che non è presente nell’accordo spezzato.



Così la tonalità dell’armonia quando tutte le corde suonano assieme (anche se non distanti tra loro) è diversa dalla tonalità ottenuta suonando ogni corda singolarmente, eppure è la stessa cosa, nel senso che nessun suono si aggiunge ai suoni singoli, quando essi esprimono nella loro unione la forma dell’armonia”.



La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
Sk. 3


DPR 275 del 1999
Art. 1


Natura e scopi dell'autonomia delle istituzioni scolastiche

2) L'autonomia delle istituzioni scolastiche è garanzia di libertà di insegnamento e di
pluralismo culturale e si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione mirati allo sviluppo della persona umana, adeguati ai diversi contesti, alla domanda delle famiglie e alle caratteristiche specifiche dei soggetti coinvolti, al fine di garantire loro il successo formativo, coerentemente con le finalità e gli obiettivi generali del sistema di istruzione e con l'esigenza di migliorare l'efficacia del processo di insegnamento e di apprendimento.


I progetti sono itinerari volti alla conquista dei risultati attesi.

Proposta di lavoro
Il DPR sull’autonomia indica tre percorsi:
1)   Interpretate la normativa per derivare il significato dei termini educazione,  formazione, istruzione.
2)   La sequenza dei tre attributi manifesta l’orientamento del sistema scolastico.
Educazione – Istruzione  – Formazione
Formazione  – Educazione – Istruzione
Istruzione – Formazione –  Educazione
     quale finalità esprimono?

E’ consentito l’accesso alla rete per ricercare informazioni.

La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
Sk. 4


La precisione terminologica è essenziale per comprendere, definire e valutare i problemi della scuola.

Legge 28 marzo 2003, n. 53
Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione
Art. 2.
(Sistema educativo di istruzione e di formazione)


-    E’ promosso l’apprendimento in tutto l’arco della vita e sono assicurate a tutti pari opportunità di raggiungere elevati livelli culturali e di sviluppare le capacità e le competenze, attraverso conoscenze e abilità, generali e specifiche, coerenti con le attitudini e le scelte personali, adeguate all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, anche con riguardo alle dimensioni locali, nazionale ed europea;


Proposta di lavoro
Specifica il significato dei seguenti termini:
·        Apprendimento
·        Conoscenza
·        Competenze generali e specifiche
·        Capacità
·        Abilità




E’ consentito l’accesso alla rete per ricercare informazioni.
La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
Sk. 5


Le capacità sono state definite per elencazione:
Analizzare  - Applicare  - Argomentare/Giustificare  - Comunicare - Comprendere  - Decidere/Scegliere  - Generalizzare  - Interpretare  - Memorizzare - Modellare  - Progettare  - Relativizzare  - Riconoscere  -  Ristrutturare  - Sintetizzare   -  Sistematizzare   - Trasferire  - Valutare ...

Le capacità sono:

·         la stella polare del servizio scolastico [legge 53/2003];
·         entità astratte;
·         processi;
·         visibili poiché si manifestano attraverso le competenze;
·         il punto di convergenza di tutti gli insegnamenti;
·         la sostanza della “Programmazione dell’azione educativa” [TU 297/94]
·         l’oggetto del monitoraggio del Collegio dei docenti
                                             [TU 297/94 art. 7 comma 2 lettera d)];
·         da stimolare e promuovere “attraverso conoscenze e abilità”  
                                      [lettera a) comma 1 art. 2 - legge 53/2003];
·         d'intensità variabile, funzione della dimensione del compito affrontato.

Proposta di lavoro
Le capacità sono processi.
Rappresentate graficamente la sequenza di azioni che sostanziano la capacità di scegliere, la capacità di argomentare, la capacità di progettare.

E’ consentito l’accesso alla rete per ricercare informazioni.
La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
Sk. 6



Il problema dell’inserimento dei giovani nel mondo contemporaneo ha smisurata dimensione. Per dominare la conseguente complessità deve essere disegnato un idoneo sistema organizzativo.
Nel caso in cui la numerosità dei suoi membri sia d’impedimento, ogni organo può costituire organismi più snelli, per sgrossare le questioni.

Proposta di lavoro
Dopo aver desunto l’organigramma della scuola dal TU 297/94 e dalla legge 197/2015, indicate quale documentazione sia necessaria per veicolare le comunicazioni che si sviluppano tra i diversi organismi.


E’ consentito l’accesso alla rete per ricercare informazioni.



La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
Sk. 7
Un puzzle di rinforzo – lavoro domestico
Aprite il file  “Schema tu 297”:
Clik sulla freccia con la punta in basso (nella parte alta della pagina).
Apparirà una pagina PowerPoint.





Proposta di lavoro
Trascinando i singoli componenti sullo schermo del PC ricomponete il modello logico-funzionale della scuola.
La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti
Sk. 7
Un puzzle di rinforzo – lavoro domestico

Soluzione





La scuola secundum legem et scientiam
Corso di prima formazione per docenti

Sk. 8

La scuola è un sistema dotato di feed-back.
Il confronto tra risultati attesi e risultati conseguiti è il timone del governo.
I controlli devono essere temporalmente differenziati:

a)    la valutazione della fattibilità di un progetto è la necessaria premessa a ogni attività (controllo antecedente);
b)   l’osservazione dell’evolversi dei processi è essenziale al loro monitoraggio
(controllo concomitante);
c)    la verifica dei risultati conseguiti conduce alla determinazione dell’efficacia dell’attività svolta (controllo susseguente);

d)   l’esame della coerenza e della persistenza nel tempo della validità degli obiettivi e della struttura di un progetto fornisce un riscontro al disegno complessivo dell’intervento (controllo dell’evoluzione).

Proposta di lavoro
Dove posizionare i punti di rilevazioni dei risultati conseguiti?



E’ consentito l’accesso alla rete per ricercare informazioni.


La scuola secundum legem et scientiam


Corso di prima formazione per docenti
Sk. 9

Il sistema scolastico è orientato: mira alla promozione e al consolidamento delle capacità degli studenti.
Le capacità traspaiono dai comportamenti esibiti da chi affronta un compito (competenze).
La processualizzazione delle capacità è la falsariga della progettazione didattica: scegliendo opportunamente argomenti funzionali al loro esercizio si prefigurano gli itinerari che gli studenti percorreranno.

Proposta di lavoro
Realizzate un’unità d’apprendimento o un mini percorso per far vivere a una classe significative esperienze.
Prima di iniziare la progettazione dichiarate le capacità da sollecitare e classe di riferimento.


Casistica esemplificativa, consultabile in rete:
Percorso didattico su numeri naturali e i sistemi di numerazione
Laboratorio di matematica: Pitagora
Laboratorio di matematica: Archimede
Laboratorio di matematica: gli automi a stati finiti, per studenti della secondaria di primo grado
La cultura informatica per promuovere competenze
Intelligenza artificiale: un assaggio
Problema-modello-esecutore
Problemi, metodi e concetti dell’economia aziendale






[1] Il riferimento alla legge del 2003 e non alla legge 107/1015 è motivato dall’errata definizione dei “traguardi formativi prioritari”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…