Passa ai contenuti principali

Anna Frank, come un fiocco di neve - di Giorgio Carosone


Io come un fiocco di leggero neve
scesa dal cielo portata dal vento
e pur se il mio tempo sarà stato breve
di me resterà la memoria di un canto

Come un uccellino dalle ali spezzate
dentro stanze affollate provai a volare
ma erano piccole ed al sole vietate
e di giochi nell'aria potevo solo sognare

Avrei volato una vita intera
sempre più in alto nello spazio infinito
ma fu spezzata la mia primavera
dalla mano di un uomo feroce e impazzito

Come un ruscello alla sorgente
un lungo viaggio avrei voluto iniziare
scoprire pianure,i paesi e la gente
ed infine tuffarmi nell'azzurro del mare

Ma quel piccolo rio non divenne mai fiume
un gelido inverno lo serrò in una morsa
non vide mai la sua spiaggia e le dune
la follia del mondo impedì la sua corsa

Ma io sarò un fiocco leggero di neve
che al primo sole si scioglierà
e pur se il mio tempo tra voi sarà breve
vivrà sempre il sogno della mia libertà


Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.