Passa ai contenuti principali

Introduzione al Medioevo


Introduzione al Medioevo
A quale punto nella linea del tempo?
"Medio" Evo
I medioevali non sapevano di vivere nel medioevo.
Fin dal 1400 era presente ed utilizzato il concetto,  di una "Media Aetas", "Media Tempestas", quasi sempre in chiave negativa.
Il primo ad utilizzare l'espressione fu nel 1688 lo storico Keller (Cellarius).
Quando finisce?
1453: caduta di Costantinopoli (Keller)
1455: inizio della rivoluzione della stampa
1492: allargamento del mondo al di là delle Colonne d'Ercole.
1517: inizio della Riforma protestante: divisione della Christianitas.
Lento declino
La caduta dell’impero romano d’occidente non è il frutto improvviso delle invasioni, ma l’estrema propaggine di una decadenza che ha radici nei secoli precedenti
Calo demografico
La popolazione dell’Italia in modo particolare e dell’Europa in generale si dimezzò nel giro di pochi secoli (dal III all’ VIII) a causa di carestie, epidemie, pestilenze, invasioni e guerre
La società
A causa delle rigide tassazioni, le masse contadine cedettero le loro terre e andarono a lavorare per i latifondisti in condizioni semiservili (servi della gleba)
L’economia
Le popolazioni celtiche e germaniche, da secoli abituate a percorrere le grandi foreste del Centro e del Nord dell’Europa, avevano sviluppato una forte predilezione per lo sfruttamento della natura vergine e degli spazi incolti. La caccia e la pesca, la raccolta dei frutti selvatici, l’allevamento brado dei maiali nei boschi erano attività centrali e caratterizzanti del loro sistema di vita. 
Rapporti tra romani e barbari
Anche le relazioni tra i Romani e i barbari si erano intensificate negli ultimi secoli, pertanto i barbari erano già divenuti parte integrante dell’impero 
sia nell’esercito (alcuni generali erano di provenienza barbarica) 
sia nella economia, con la formazione di una classe di proprietari terrieri barbari
Inculturazione cristiana
La Chiesa riuscì a incanalare nell’alveo della fede cristiana molte usanze pagane:
Le feste (il 25 dicembre si festeggiava il dio Mitra9
I santi (trasformazione della antica venerazione per dei ed eroi)
La natura come creazione divina (mentre in passato la venerazione per piante, fenomeni ed ambienti naturali era tradizionalmente collegata al culto di alcune divinità pagane)

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…