Passa ai contenuti principali

Il disimpegno morale - di Laura Alberico

Albert Bandura nella “Teoria sociale e cognitiva” illustra i meccanismi che vengono messi in atto quando l’individuo tende a giustificare i suoi comportamenti. Spesso, in ambito scolastico, si possono osservare le varie strategie che i ragazzi adottano per evitare una diretta partecipazione e responsabilità personale in situazioni critiche che li riguardano.  La “giustificazione morale” è quel comportamento che spiega e assolve un modo di agire ( il ragazzo risponde male ai rimproveri dell’insegnante perché si sente vittima di una ingiustizia). L’ etichettamento eufemistico” tende a sminuire la gravità del comportamento ( il ragazzo si giustifica dicendo che stava solo scherzando). Il “confronto vantaggioso” mira ad alleggerire il peso del comportamento negativo ( il ragazzo esprime il suo disappunto confrontando il suo agire con quello di altri che fanno peggio). Il “dislocamento della responsabilità” tende a trasferire la colpa ad altri ( “ non sono stato io ma tizio e caio”).  La “diffusione della responsabilità” è quel comportamento che viene messo in atto dando la colpa al gruppo  in cui il ragazzo si trovava  (“abbiamo deciso insieme agli altri di fare questo”). La “distorsione delle conseguenze”  (negazione o minimizzazione) mette in atto un comportamento in cui la colpa viene negata o sminuita del suo peso oggettivo ( “ non avevo capito bene”, “ non è vero, ho studiato”). Nella “de-umanizzazione della vittima” si attribuisce una giustificazione ad atteggiamenti come quelli razzisti ( “ gli ebrei sono una razza inferiore e quindi devono essere trattati come tali”).    Nell’attribuzione di colpa alla vittima” il prevaricatore si fa scudo dei rimproveri scaricando la responsabilità del suo comportamento sulla vittima stessa ( “sono stato costretto a dargli una lezione perché mi ha provocato”). Queste interpretazioni del comportamento sono sempre più evidenti nella nostra società e non riguardano solo i giovani. I rapporti sociali devono fare i conti con un mondo che cambia snaturando spesso quel senso di moralità che era un patrimonio saldo e incontaminato. L’individualismo crescente sostenuto da una cultura del verbo “avere” tende a relegare in un contesto anacronistico il senso del dovere e della responsabilità personale con le conseguenze spesso negative che possiamo tutti vedere e ascoltare ogni giorno. Famiglia, scuola e società devono confrontarsi con le nuove emergenze sociali cercando i rimedi per favorire  una crescita equilibrata dei giovani. I mass-media ci forniscono soltanto i dati eclatanti che fanno “audience”, spesso le tavole rotonde sui temi del disagio giovanile diventano scontri verbali tra i partecipanti  che non ci aiutano a capire e a interpretare nel modo giusto le origini e le cause di aggressività e sopraffazioni spesso gratuite e senza significato apparente. Il disimpegno morale analizzato e catalogato da Bandura ci fa capire l’importanza che lo stesso psicologo attribuisce al “modellamento”. Fornire modelli positivi ai giovani in ambito familiare e scolastico serve a contenere quell’istinto di aggressività innata che può essere gestita e autoregolata dalla razionalità, funzione superiore dell’uomo che ci rende diversi dalle specie animali e capaci di rielaborare la realtà in modo consapevole, traendo da essa gli insegnamenti utili per essere migliori.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…