Passa ai contenuti principali

Il cristianesimo e la cultura pagana




Il cristianesimo e la cultura pagana
Il cristianesimo si diffonde in un periodo di grande fervore, in cui la religione pagana era già messa in crisi dal diffondersi di culti misterici (Iside, Mitra) e filosofie che pongono l’accento sul controllo del proprio animo e sulla dimensione spirituale (stoicismo e neoplatonismo)
Il cristianesimo e la cultura pagana
In particolare con il neoplatonismo si verifica un duplice rapporto: da una parte il diffondersi del cristianesimo favorì la nascita di questa corrente filosofica, dall’altra il neoplatonismo suggerì poi ai Padri della Chiesa (soprattutto ad Aurelio Agostino) i capisaldi della filosofia cristiana, cioè:
Dio è all’origine di tutti i fenomeni e dell’universo intero
il mondo materiale (corpo) è fortemente distinto dal mondo immateriale e spirituale (anima)

Rispetto alla cultura 
Il cristianesimo
supera il manicheismo (divisione bene/male) che poggiava sulla visione dualistica della religione mazdeista: non è la coerenza la salvezza ma seguire Gesù, che del resto è amico di molta gentaglia (pubblicani e prostitute)
supera lo spiritualismo (carne/spirito): Gesù è di carne e conferisce serietà alle vicende terrene
Si incontra invece con la filosofia greca: la razionalità del mondo che riflette la razionalità di Dio, in particolare con il neoplatonismo, che immaginava nel cielo un’entità assoluta (l’ Uno) alla base di tutto.

Sin dai primi secoli gli scrittori cristiani dovettero affrontare il problema del rapporto con la tradizione classica, cui, tuttavia, dovevano la loro formazione. Ma la mentalità greco-romana si fondava su concezioni così diverse dai valori del cristianesimo che i cristiani, in un primo tempo, ebbero un atteggiamento di ripulsa. Tuttavia il Cristianesimo, diffondendosi e sviluppandosi nella società greco-romana, non poteva non instaurare un rapporto dialettico con la sua cultura: anche per difendersi dagli attacchi dei Gentili aveva bisogno non solo dei loro strumenti linguistici (il  latino), ma anche delle argomentazioni avvalorate dalla loro tradizione. San Gerolamo, che visse in modo particolarmente drammatico il rapporto con la cultura classica, sostiene la necessità della lettura dei testi pagani e della padronanza della cultura classica. Con Sant’Agostino, affascinato dai classici e appassionato di filosofia (Confessiones, III, 4-7), la questione compie un deciso passo avanti. Nel De doctrina christiana Sant’Agostino afferma che la cultura pagana contiene “precetti morali utilissimi” e persino “alcune verità riguardanti il culto dell’unico Dio”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…