Passa ai contenuti principali

Confronto fra una poesia di Cesare Pavese e una canzone di Roberto Vecch...





Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

Cesare Pavese



Verrà la morte e avrà i tuoi occhi-

questa morte che ci accompagna

dal mattino alla sera, insonne,

sorda, come un vecchio rimorso

o un vizio assurdo. I tuoi occhi

saranno una vana parola,

un grido taciuto, un silenzio.

Così li vedi ogni mattina

quando su te sola ti pieghi

nello specchio. O cara speranza,

quel giorno sapremo anche noi

che sei la vita e sei il nulla



Per tutti la morte ha uno sguardo.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.

Sarà come smettere un vizio,

come vedere nello specchio

riemergere un viso morto,

come ascoltare un labbro chiuso.

Scenderemo nel gorgo muti.





Verrà la notte e avrà i tuoi occhi

Roberto Vecchioni



Quando continuerà Il tempo dove tu manchi,

Senza la nostalgia di strofinare i tuoi fianchi;

Quando ti fermerò tra i due miracoli di averti

amata e perduta, e li ti schiaccerò e li sarai finita...

Quando di questo amore saranno sparse le foglie,

E morirà l'orgoglio nel mio inventario di stelle;

Quando ti avrò battuta,  cacciata sulla luna,

Dimenticata per sempre

E avrò cantato il giorno che tu non sei più niente...

Verrà la notte e avrà i tuoi occhi,

Verrà la notte con i tuoi occhi.

Io viaggerò l'inverno,  io giocherò con il mio cane;

Mi vestirò di nuovo, sentirò sete e avrò fame,

Quando aprirò la stanza dov'ero chiuso a chiave

Fra le tue immagini spente

E sarò "io": quel giorno  che non sarai più niente...

Verrà la notte e avrà i tuoi occhi,

Verrà la notte con i tuoi occhi


Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.