Passa ai contenuti principali

Riflessioni "natalizie" - di Lucio Garofalo

Quando il tempo dei rimpianti è già trascorso, mentre il tempo dei ricordi è ancora lontano, vuol dire che è sopraggiunto il tempo dei rimorsi. Il che non significa necessariamente che si è arrecato del male, ma soltanto che si è vissuto. Nel bene e nel male. In caso contrario si resta come sospesi in una sorta di "limbo", prigionieri dell'ignavia, vile e meschina. Da agnostico ed eretico anticlericale (troppo accondiscendente verso chi predica), rivolgo i miei auguri più schietti a coloro che confidano nella lealtà e nella sincerità delle persone, nell'onestà (intellettuale), per cui non mi rivolgo a quanti vivono in una condizione di malafede, in un clima di omertà e di indifferenza. Il valore dell'amicizia non si può invocare ad uso e consumo personale, ovvero solo quando più ci conviene. Tempo addietro, ho conosciuto e frequentato alcuni sedicenti "amici". Per costoro io mi sono esposto, personalmente e politicamente, in varie situazioni che non mi piacevano affatto e mi sono persino inimicato alcuni notabili locali. Dov'erano loro, i presunti "amici", quando mi sono fatto coinvolgere in polemiche per servire la loro "causa"? Ebbene, erano intenti a studiare calcoli e tatticismi, curando i propri affari. Un'amicizia fondata sulla convenienza e sul calcolo utilitaristico, non è un'amicizia autentica, sincera e disinteressata. Da parte mia non ho mai anteposto nulla al valore dell'amicizia, ancor meno la mia utilità, i miei affari ed i miei egoismi. A differenza di chi, meschino, è aduso a calpestare e a strumentalizzare i rapporti interpersonali per privilegiare ad ogni costo le proprie ambizioni e realizzare i propri interessi venali. È Natale e vorrei essere più "buono", ma non ci riesco. È sempre attiva in me una pulsione di "sana cattiveria" interiore, una sorta di tensione morale alla verità. È una spinta etica che mi induce ad essere schietto ed onesto, forse addirittura troppo sincero. Un modo di essere che risulta "crudele" agli occhi dei farisei, che predicano bene, spesso male, ma razzolano male, anzi peggio. Se non erro, fu Gesù (di cui oggi ricorre la natività) ad esecrare in modo assai duro ed esplicito i farisei del tempio. E da questi Gesù fu osteggiato e perseguitato ferocemente fino alla condanna a morte, che si consumò tramite la crocefissione. Per cui delle reazioni di scandalo dei benpensanti e moralisti di ogni sorta e provenienza, detto francamente, non mi interessa granché. Da rivoluzionario, non posso che ricercare il vero ad ogni costo. Poiché la verità è un atto rivoluzionario. Pertanto, rinnovo i miei migliori auguri, ma soprattutto un auspicio sincero affinché si riesca a progettare e a costruire assieme un avvenire migliore. Come diceva Marx (stavolta mi riferisco a Groucho, non a Karl): "Mi interessa molto il futuro. È lì che passerò il resto della mia vita". Ebbene, è giusto abituare i nostri figli a vivere nella menzogna? Non occorre farsi crocifiggere per difendere una verità. Non la Verità intesa in senso assoluto, o metafisico. Io sono un relativista, per cui non ho simili pretese: conoscere la Verità assoluta. Chi potrebbe mai custodire una simile Verità? Solo un Dio eterno ed onnisciente. Ma esiste davvero? E se esiste, perché non si mostra? Perché non interviene ad aiutarci? Evito di aprire un ragionamento infinito, soprattutto terribile. A noi essere mortali ed "ignoranti" (in termini socratici) sarebbe, in ogni caso, inaccessibile. La Verità. Per cui è evidente che mi riferisco a verità semplici, relative, conoscibili, alla nostra portata. Verità che vivono nella storia e richiamano un valore che suscita scandalo poiché urta visibilmente la suscettibilità e l'ipocrisia sociale, su cui si stabiliscono i rapporti e le convenzioni politiche ed istituzionali dominanti. Esaltare o recuperare un po' di onestà, di questi tempi, provoca forti reazioni di sdegno e di scandalo tra i "farisei del tempio". Chiudo, lanciando una sorta di provocazione: che senso ha dissociarsi da un "modus vivendi" all'insegna dell'onestà quando lo fanno già tutti nella società in cui viviamo? Sarebbe fin troppo facile. Se si prendono le distanze da tutto il marciume dell'ordinamento sociale, tutto si fa più arduo e scomodo. Le ostilità e le inimicizie ci assaliranno. Ma il tempo saprà ripagarci nell'avvenire.
Lucio Garofalo

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…