Passa ai contenuti principali

Riassunto di Danny l'eletto di Chaim Potok


Riassunto di Danny l’Eletto di Chaim Potok

Reuven è un ebreo americano figlio di un giornalista studioso del Talmud che studiava in una yeshivà. Un giorno, negli anni in cui era in corso la seconda guerra mondiale, venne organizzata una partita di softball tra la squadra della sua scuola e quella di un’ altra yeshivà.  Proprio durante la partita un giocatore avversario, Danny Saunders, scagliò una palla molto violenta che lo colpì sul volto. Reuven volò a terra e dovette essere portato urgentemente all’ ospedale.
Il dottore disse che una scheggia degli occhiali, che il ragazzo portava, era finita nell’ occhio e l’ aveva tagliato. Qualche giorno dopo venne operato con successo, ma dovette stare in ospedale per una settimana senza poter leggere.
In questa settimana, mentre gli alleati erano sbarcati in Francia e la fine della guerra si avvicinava, Danny lo andò a trovare per scusarsi, ma Reuven arrabbiato con lui per quello che aveva fatto, lo cacciò. Venuto a conoscenza di ciò, il padre di Reuven, David Malter, lo rimproverò per non averlo ascoltato e perdonato; così il giorno seguente Danny tornò e fece pace con Reuven.
Danny e Reuven, così, divennero grandi amici nonostante triste il fatto che li aveva uniti. Danny era il figlio del rabbino Saunders, uno dei più importanti rabbini di tutta la città.  Il rabbino aveva un particolare rapporto con il figlio: infatti i due non si parlavano mai, tranne che nelle discussioni del Talmud.
Quando Reuven fu dimesso dall’ ospedale, poté conoscere il padre di Danny. Il rabbino fu molto felice dell’ amicizia tra suo figlio e Reuven, poiché il ragazzo  faceva da tramite tra lui e il figlio, permettendogli di “comunicare”.
Da allora i due ragazzi passarono molto tempo insieme e Reuven scoprì molte qualità del compagno. Venne a sapere, infatti, che Danny era un vero fenomeno sia a scuola che nello studio del Talmud, favorito della sua memoria visiva aveva iniziato a studiare da solo il tedesco e si apprestava a leggere Freud.
Qualche tempo dopo i due amici si iscrissero anche allo stesso college: Danny seguendo la specializzazione di psicologia e Reuven con quella di logica simbolica. Danny rimase molto deluso dal corso di psicologia, perché il suo professore odiava la psicanalisi ed il metodo di Freud, che lui amava molto.  Successivamente anche la guerra in Europa terminò e si venne a conoscenza degli orrori commessi da Hitler; si scoprì che sei milioni di ebrei avevano perso la vita nei campi di concentramento.
Le reazioni furono molteplici: il padre di Reuven cominciò a trascurarsi per scrivere articoli e per fare conferenze sull’ accaduto, il rabbino Saunders richiuse tutto il dolore del suo popolo in sé stesso e spesso veniva visto dai suoi fedeli in lacrime. Alla fine della guerra le due diverse concezioni religiose, del padre di Danny e di quello di Reuven, si scontrarono e ci dovettero rimettere proprio i rispettivi figli. 
Il rabbino Saunders, infatti, dopo aver letto un articolo di David Malter sulla creazione di uno stato ebraico, si imbestialì ed emise una scomunica nei confronti di Reuven e di suo padre. Così Danny e Reuven da amici intimi dovettero smettere di vedersi. 
Reuven rimase molto scosso da questa scelta, e per un periodo di tempo trascurò anche la scuola, ma successivamente dovette rassegnarsi.
Qualche tempo dopo lo stato di salute del padre di Reuven peggiorò ed ebbe un attacco cardiaco.Il tempo passava e Reuven  frequentava, ormai, la quarta classe; continuava a non poter incontrare Danny anche se lo vedeva tutti i giorni in refettorio. Alcuni mesi più tardi, anche se con qualche difficoltà, lo stato ebraico venne creato; Reuven e suo padre, che ormai si era ripreso, poterono festeggiare questo avvenimento, molto importante per le loro vite.
Conseguentemente il rabbino Saunders rassegnatosi all’ esistenza dello stato ebraico ritirò la scomunica nei confronti di Reuven e Danny lo poté rincontrare.
I ragazzi ricominciarono a vedersi; Danny continuava a leggere Freud e aveva cominciato ad apprezzare la psicologia sperimentale, che all’ inizio non riusciva a gradire. Aveva cominciato a pensare, anzi, di  intraprendere la carriera studentesca, rifiutando così la carica ereditaria di rabbino, e passandola al fratello Levi. Comunicare la sua scelta al padre fu un’ impresa parecchio ardua, ma il rabbino, questa volta, comprese le scelte del figlio.
Finito il college, così, le strade dei due amici si divisero; Danny si avviò a diventare uno psicologo professionista e Reuven a essere un rabbino.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…