Passa ai contenuti principali

Novembre di Giovanni Pascoli - di Carlo Zacco

da Myricae di Giovanni Pascoli

Composizione. È un’opera in divenire: le poesie che vi sono contenute sono state scritte nell’arco di un ventennio; ci sono varie edizioni nelle quali il numero dei testi è via via cresciuto, e mutata la loro disposizione: prima edizione > 1891: 22 poesie; quinta edizione (definitiva) > 1900: 156 poesie; tra la prima e la quinta edizione cambia anche l’articolazione interna delle varie poesie, e le partizioni.
Titolo. Naturalmente virgiliano. In Epigrafe Pascoli riposta arbusta iuvant umilesque myricae: che tolto dal contesto viene ad assumere un opposto a quello che intendeva Virgilio.
Temi. Titolo ed epigrafe quindi già alludono al tipo di poetica che il lettore si troverà davanti: una poetica “bassa”, quotidiana, comune, semplice, colloquiale.
 - Alcuni di questi elementi sono, naturalmente, solo apparenti: il richiamo alla classicità comporta elevazione stilistica: quindi in quest’opera rientrano elementi ambivalenti.

Struttura

Il Macrotesto. Non si tratta di una semplice collezione di poesie: Myricae è da considerare un macro-testo, dove i singoli componimenti acquistano un surplus di significato, in base alla loro collocazione, e in base ai testi che precedono o seguono, o ad altre corrispondenze strutturali.
Criterio metrico: il criterio secondo cui vengono organizzati i testi non è di tipo logico o tematico ma formale: le 15 sezioni di cui si compone sono caratterizzate ciascuna da costanti metriche: in ogni sezione, cioè, si possono trovare in prevalenza determinati tipi di metro (sonetti, strofi saffiche), o determinate caratteristiche (strofi chiuse, versi brevi); una sezione (la 9) include tutti i tipi di metro presenti nella raccolta. Questo criterio valorizza al massimo la specificità di ogni sezione.
Rimandi tra sezioni: tra le varie sezioni vi sono ovviamente delle relazioni tematiche, richiamate dai titoli:
 - Ricordi/ Pensieri;    Dolcezze/ Tristezze;    Le gioie del poeta/ Le pene del poeta;   
 - vi sono testi extravaganti, cioè non inseriti in alcuna sezione, ma tra una e l’altra, e sono 15, come le sezioni stesse: c’è un richiamo numerico-simbolico.
Parallelismi interni. Oltre ai richiami tra sezione e sezione vi sono anche richiami e parallelismi interni entro le varie sezioni: accostamenti di testi per analogia o per contrasti; richiami numerici (primo/ultimo): questo è un principio non metrico ma semantico/tematico.

Temi
Morte/Natura. La raccolta si apre con una prefazione in cui l’autore dedica i componimenti alla memoria del Padre, e degli altri familiari morti. Nella prefazione i temi dichiarati sono due:
1)      la morte invendicata del padre (X Agosto);
- vi  è anche un altro motivo che sottostà a questo, ed è quello del senso di colpa dei vivi nei confronti dei morti (per il fatto di essere vivi), che dà luogo ad una volontà di riconciliarsi con loro, e riceverne il perdono (Novembre);
2)       Natura: nella prefazione parla della funzione consolatrice e protettrice della natura, ma sul lato pratico la natura viene rappresentata in modo ambiguo: cioè con caratteri che possono farla sembrare positiva e negativa insieme:
- al lettore viene richiesto di scegliere tra le due opzioni: ed elementi del testo fanno più spesso protendere per la seconda opzione; 
 - oppure lasciano il dubbio: e al lettore rimane un senso di inquietudine.

 

 
Novembre

   Gemmea l'aria, il sole così chiaro

che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,

e del prunalbo l'odorino amaro

                                    senti nel cuore...

 

Ma secco è il pruno, e le stecchite piante

di nere trame segnano il sereno,

e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante

                                             sembra il terreno.

 

   Silenzio, intorno: solo, alle ventate,

odi lontano, da giardini ed orti,

di foglie un cader fragile. E' l'estate

                                              fredda, dei morti.

Realtà/illusione. Una serena giornata di novembre. Questo paesaggio potrebbe suggerire per un attimo l’illusione che ci si trovi in estate, e l’illusione è talmente forte che si è portati a cercare con gli occhi gli alberi in fiore;

 - ma l’illusione scompare subito: nonostante le impressioni positive, subentra comunque la consapevolezza che si è in pieno autunno:

 - Novembre è mese della ricorrenza dei morti;

 - l’autunno è il periodo in cui la natura muore;

 - e soprattutto questo tempo richiama per il soggetto l’idea di morte: questo è il Simbolismo della poesia, la natura si carica di un valore inquietante e misterioso, che tocca il soggetto nel profondo.

 

 

Gemmea l’aria: frase nominale, senza verbo > impressionismo: i legami tra le immagini non sono chiariti sintatticamente, ma le varie immagini sono giustapposte tramite collegamenti per asindeto;
Termini ricercati: albicocchi, Prunalbo, Pruno (nome latino per: susino): questa precisione accresce il realismo del quadro estivo che si vuole rappresentare;
 - ma già qui c’è un aspetto di ambiguità: sono termini sconosciuti ai più (sia oggi, che per i contemporanei di Pascoli, urbanizzati), e l’effetto è di ulteriore ambiguità: pensiamo all’Adamo del Fanciullino: il nome preciso permette di andare oltre la cosa visibile, e di attingere alla sua essenza primigenia;
Senti nel cuore: senti, non nelle narici, ma nel cuore: c’è già il sospetto di un’illusione (notare i puntini di sospensione);

Ma: forte avversativa, che ribalta subito il quadro iniziale; rovesciamento confermato da parole chiave:
 - secco, stecchite, vuoto, nero, cavo;
I particolari che prima l’occhio aveva notato non corrispondono a realtà:
 - il pruno non emette odore perché è secco;
 - le piante non hanno foglie, ma coprono il cielo con una specie di disegno spettrale dei rami secchi;
 - il cielo è vuoto > senza uccelli: senza vita;
 - è da notare come le sensazioni tocchino quasi tutti i 5 sensi.
Il sereno: il sereno: non si nomina la cosa, ma la sua caratterizzazione che per il soggetto ha avuto fino a quel momento: chiamandolo ‘sereno’ esaspera ancora di più il senso di violenza e contaminazione da parte della morte;

Cader fragile: espressione molto densa di significato, e di allusioni:
 - propriamente è un’ipallage: l’aggettivo ‘fragile’ non è riferito a foglie (proprio) ma al loro cadere;
 - è anche una sinestesia: la realtà astratta del movimento evoca una sensazione tattile;
 - al di là della tassonomia si può notare in questa immagine un simbolo: precarietà delle foglie > della vita;
Estate/Fredda: anche questa breve espressione finale è molto pregnante:
 - ossimoro: due parole contrarie vengono accostate (siamo realmente in autunno);
 - con chiasmo a partire dalla vocale accentata: estate fredda:
 - in enjambement: il poeta vuole condensare su questa espressione il massimo della carica espressiva;


La realtà visibile cela un’altra realtà nascosta, inquietante per la soggettività dell’io: ed è quella della morte.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…