Passa ai contenuti principali

Lampo di Pascoli, Myricae - di Carlo Zacco

Il lampo


 

 

 

 

5

   E cielo e terra si mostrò qual era:

 

la terra ansante, livida, in sussulto;

il cielo ingombro, tragico, disfatto:

bianca bianca nel tacito tumulto

una casa apparì sparì d’un tratto;

come un occhio, che, largo, esterrefatto,

s’aprì si chiuse, nella notte nera.

Situazione. Siamo di notte, durante un temporale. Un lampo improvviso consente di vedere con chiarezza il paesaggio (cielo e terra), ma solo per una frazione di secondo;

 - la terra è nera (livida) e mossa dal vento: appare come se stesse ansimando affannosamente (ansante, in sussulto);

 - il cielo è pieno (ingombro) di nuvole, anch’esso nero, disomogeneo (per le nuvole irregolari);

 - nel nero generale il lampo fa apparire per un istante una casa bianca (resa ancora più bianca dalla luce del lampo stesso); il lampo è tacito (silenzioso), perché non c’è ancora il tuono;

 - questa casa fa venire in mente un occhio spalancato, che per una frazione di secondo ha la possibilità di vedere con chiarezza ciò che è celato dal buio (una verità rivelata per un attimo, che mostra una realtà sconvolta).


 Impressionismo. Come al solito è adottata la tecnica impressionistica della giustapposizione di immagini, senza connessioni logiche;

Espressionismo. Qui però c’è una novità: queste immagini hanno anche una forte carica espressionistica: cioè non sono presentate in modo realistico, ma deformato:
1)      la terra è «ansante, livida, in sussulto», poiché sconvolta dal vento;
2)      il cielo è «ingombro, tragico, disfatto», in quanto pieno di nuvole;
Questi elementi naturali sono personificati, e descritti come fossero esseri umani in preda ad uno stato di profonda angoscia.
Proiezione soggettiva. Ma questo modo di rappresentare le cose rispecchia lo ‘sconvolgimento’ della mente che guarda: il soggetto proietta i propri sentimenti sulla natura circostante, che appare deformata in senso negativo, rispecchiando i sentimenti stessi.

L’occhio. L’aggettivo «esterrefatto», riferito all’occhio (a cui viene paragonata la casa), mostra questa proiezione del sentimento soggettivo sulle cose.
 - ma non solo: per questa poesia Pascoli ha pensato una prefazione in prosa, che però è rimasta inedita. Da questo testo veniamo a sapere che il lampo è il bagliore emesso dal colpo di fucile che ha ucciso il padre; e l’occhio, quindi, è quello del padre che, nell’istante di quel lampo, visualizza l’idea della morte che sta per sopraggiungere (tutta la vita in un attimo).
 - Se non fosse per questa prosa noi non sapremmo che il lampo è l’occhio del padre; ma Pascoli ha deciso di non pubblicarla, e quindi è chiaro che  il valore di questa poesia vuole essere universale.

Stile. Lo stile impressionistico/espressionistico si nota anche in:
 - l’inizio con «E…e…», rende l’attacco più sfumato, e dà l’idea di un qualcosa che nasce dal nulla; inoltre rende il ritmo più incalzante, affannoso;
 - l’aggettivazione: gli aggettivi riferiti a terra e celo sono a gruppi di tre, collegati per asindeto; inoltre è da notare che sono tutti trisillabi, e quello centrale è sempre sdrucciolo (virtuosismo pascoliano);
 - la ripetizione «bianca bianca», e i verbi: «apparì sparì» e «s’aprì si chiuse», non separati da virgole;
 - lo stile nominale dei versi 2-3, senza il verbo;

Tutti questi elementi conferiscono concitazione allo stile. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.