Passa ai contenuti principali

L’arrivo d’immigrati - di Francesco Lena

Da anni assistiamo all’arrivo in Italia e in Europa d’immigrati, provenienti da vari paesi africani, asiatici e altri, che fuggono da guerre, conflitti e dalla fame, sono tuttora in aumento.
E’ una situazione delicata, che pone dei problemi da risolvere per gli stati europei di una giusta accoglienza, che va gestita bene con unità, responsabilità e determinazione, da parte di tutti gli stati europei, possibilmente in collaborazione dell’O.N.U.
L’O.N.U. dovrebbe portare tempestivamente aiuti a casa loro, pensando che a tutte le persone piacerebbe restare nel paese che sono nate, l’O.N.U. si dia una mossa, metta in campo strategie diplomatiche per prevenire, fermare le guerre, i conflitti e a combattere la fame.
L’Europa si adoperi naturalmente assieme all’O.N.U., per la formazione di governi di unità nazionale nei paesi in conflitto, per superare le divisioni e le crisi civili e sociali. Poi mandare aiuti economici, attrezzature, materiale, per favorire lo sviluppo dell’economia e dell’agricoltura.
Saper accogliere al meglio e un'equa distribuzione degli immigrati, in tutti i paesi europei.
L’Italia che ha fatto tanto e che sta facendo molto bene, con la nostra marina e tanti volontari, salvando tante vite umane, uomini, donne e bambini. Il governo sta facendo con grande impegno la propria parte assieme alle istituzioni locali, una capillare distribuzione degli immigrati su tutto il territorio nazionale. Si potrebbe fare ancora di più e meglio e la situazione andrebbe vissuta come un’opportunità di grande umanità e di solidarietà. Abbiamo tante caserme vuote, conventi, case abbandonate al degrado, zone di tanti paesi d’Italia lasciati all’abbandono, questi edifici utilizzarli per dare un tetto agli immigrati, potrebbe diventare un grande valore di accoglienza, ma anche un'occasione di ristrutturazione, di ricupero ambientale, di sviluppo economico e sociale.
Poi dobbiamo insegnare loro l’italiano e piano, piano, favorire la possibilità di avere un lavoro.
Cari cittadini dobbiamo fare sentire la nostra voce, dire basta alle armi che sono strumento di morte, si a strumenti di vita e di pace. Basta muri materiali e mentali, basta paure, l’arrivo di persone bisognose, disperate, va gestito con intelligenza, con grande responsabilità e umanità, salvaguardando sempre la dignità di ogni persona, pensando anche che potremmo essere noi al loro posto. Li chiamiamo immigrati rifugiati, ma prima di tutto sono persone che hanno bisogno di cibo, di giustizia, di libertà e di pace. Si nasce tutti uguali su questa nostra terra, stessi diritti, doveri, non lo scegliamo noi dove nascere e siamo tutti cittadini di questo mondo. Allora facciamola diventare quest'arrivo di persone un’occasione di amicizia sociale, di crescita civile, culturale, umana, di globalizzazione della solidarietà, tutte le persone del mondo hanno il diritto al cibo, alla libertà, alla pace, ma soprattutto il diritto alla vita.
Francesco Lena Via Provinciale, 37    24060 Cenate Sopra (Bergamo) tel. 035956434

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…