Passa ai contenuti principali

Se lamentar augelli, o verdi fronde, sonetto 279 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco


Trasfigurazione di Laura
Cambiamenti di Laura. De Sanctis usa questo termine per indicare i cambiamenti della figura di Laura dopo la morte:
1)      Da viva Laura era caratterizzata da un carattere complesso, ambiguo, capriccioso, per certi versi non comprensibile da parte del poeta;
2)      Da morta Laura sembra dare spiegazioni circa i suoi comportamenti sulla terra, e i conti cominciano a quadrare. Inoltre La figura di Laura diventa attiva: di sua iniziativa conforta il poeta, lo consola, lo incoraggia ad attendere un futuro ricongiungimento in cielo.
Cambiamenti nell’io lirico. Naturalmente tutte queste sono proiezioni di Petrarca: a cambiare, in realtà, è l’io lirico, che, come si è detto, riconsidera il suo rapporto con Laura, e quindi anche Laura stessa, sotto una nuova ottica. La morte di Laura fa in modo che Petrarca diventi più risoluto nel perseguire il desiderio di perfezione cristiana. In Particolare:
1)      Il rifiuto di laura, che tanto faceva soffrire Petrarca, in realtà lo ha salvato dalla perdizione: tutta la vicenda è quindi riletta in chiave provvidenzialistica;
2)      La tensione erotica, il desiderio sessuale di Petrarca scompare, e viene sostituito da una tensioneunicamente religiosa. Laura morta è colei che è in grado di accompagnare Petrarca in questo nuovo percorso religioso.

I sonetti 279 e 302 sono strettamente legati a livello tematico: in essi vengono raffigurate due epifaniedi Laura, o meglio, due fantasie del poeta che si immagina di incontrarla e parlare con lei.

279 – Se lamentar augelli, o verdi fronde

Struttura. Anche questo sonetto è diviso in due parti:
1)      Quartine. Il poeta descrive se stesso nell’atto di scrivere versi d’amore immerso in un paesaggio naturale incantevole e suggestivo (locus amoenus); in questo momento gli capita di sentire Laura che risponde ai suoi lamenti;
2)      Terzine. È la risposta di Laura, che parla in prima persona al poeta, e lo consola.

   Se lamentar augelli, o verdi fronde

mover soavemente a l'aura estiva,

o roco mormorar di lucide onde

s'ode d'una fiorita et fresca riva,

 

   la 'v'io seggia d'amor pensoso et scriva,

lei che 'l ciel ne mostrò, terra n'asconde,

veggio, et odo, et intendo ch'anchor viva

di si lontano a' sospir' miei risponde.

 

Deh, perché inanzi 'l tempo ti consume?

- mi dice con pietate - a che pur versi

degli occhi tristi un doloroso fiume?

 

  Di me non pianger tu, che' miei dì fersi

morendo eterni, et ne l'interno lume,

quando mostrai de chiuder, gli occhi apersi».

 

lamentar: lamentarsi;

mover..l’aura estiva: stormire dolcemente alla brezza estiva;

lucide: limpide;

là ‘v’io seggia..scriva: in un luogo ov’io pensando e scrivendo d’amore; lei: colei;

ne mostrò: ci mostro; insinua la brevità dell’apparizione;

lontano: dal cielo;  tempo: stabilito, prescritto;

 

 consume: struggi;   degli occhi tristi: ‘dagli occhi..’

ché: perche;   fersi: si fecero;

l’interno lume: Laura, morendo, apri gli occhi alla visione di Dio, che e luce intellettuale;

interno: fa quasi bisticcio, ed e pure in contrasto coneterni;

occhi: sono oggetto sia di chiuder sia di apersi;

 


Analisi. Siamo solo all’inizio del percorso di ricomposizione, a questo livello il poeta è ancora attaccato al ricordo di Laura, e queste visioni, benché fonte di grande consolazione, non gli servono a distaccarsi totalmente da lei. Il percorso di rielaborazione del lutto è appena iniziato.

Se lamentar augelli. In questo testo il poeta è ancora identificato col suo oggetto d’amore, e disperato per la sua perdita:
 - un segnale che il contrasto è ancora in parte insanato è il v. 6: lei che ciel ne mostrò, terra n’asconde;
 - inoltre non viene detto che il solo sapere che Laura è in cielo sia di consolazione per P: il dubbio rimane.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…