Passa ai contenuti principali

Riassunto dell' ottavo canto dell' Orlando furioso di Ludovico Ariosto - di Carlo Zacco


Canto VIII

Sommario. - Il mondo è pieno di frodi e di finzioni — Ruggiero, liberatosi con lo scudo da un servo di Alcina, si avvia al regno di Logistilla — Alcina insegue Ruggiero, mentre Melissa libera i cavalieri trasformati in bestie o in esseri inanimati — Ruggiero in cammino verso Logistilla — Rinaldo ottiene aiuti dalla Scozia e dall'Inghilterra — Angelica ingannata dall'eremita — Angelica è presa dai corsari di Ebuda ed esposta all'orca — Orlando, mentre Parigi è cinta d'assedio, abbandona la città, per andare in cerca di Angelica —  Bradamante  segue  Orlando.

Il mondo è pieno di frodi e di finzioni (1-2) -Il mondo è pieno di incantatori e di incantatoci, che irretiscono gli uomini e le donne nei lacci d'amore. Se potessimo, come Ruggiero, aver con noi l'anello di Angelica, o piuttosto il valido aiuto della ragione, avremmo il modo di scoprire le loro male arti.
Ruggiero, liberatosi con lo scudo da un serva di Alcina, si avvia al regno di Logistilla (3-11) -Ruggiero, liberatosi dai guardiani, prende con Rabicano la via del bosco, ma s'imbatte tosto in un servo di Alcina, che cavalca un ronzino e ha con sé un falcone ed un cane. Costui, ritenendo che Ruggiero sia in fuga, gli ordina di fermarsi, e, poiché il guerriero non si cura dell'intimazione, gli aizza contro il falcone, che rapidamente raggiunge Rabicano. Poi scende dal ronzino, che si mette a correre più veloce di uno strale; e infine anch'egli ed il cane, dietro le tracce del ronzino, si dirigono velocemente verso il fuggiasco. Ruggiero, stimando vergogna il fuggire, si volta indietro, e vedendo che l'uomo non ha alcuna arma, ma soltanto una bacchetta per ammaestrare il cane, sdegna di usare la spada. Ma poiché quegli strani nemici lo raggiungono e gli impauriscono il cavallo, si decide a minacciarli con la spada; e poiché anche con questa non ottiene alcun effetto, mentre teme di aver presto alle spalle Alcina col suo popolo, scopre lo scudo incantato, facendo  tramortire l'uomo con le sue bestie.

Alcina insegue Ruggiero, mentre Melissa libera i cavalieri trasformati in bestie o in esseri inanimati (12-18) - Intanto Alcina, essendosi accorta della fuga di Ruggiero, raccoglie disperata l'esercito, e, dopo averlo diviso in due parti, ne manda una sulle orme del guerriero e l'altra al porto, per chiudergli la via del mare.
Ma la maga, nella furia affannosa, dimentica di lasciare qualcuno a guardia del palazzo. Allora Melissa approfitta di tale negligenza per distruggere ovunque gli strumenti degli incanti e per ridonare le primitive sembianze ai miseri amanti di Alcina, che erano stati trasformati in fonti, in fiere, in alberi e in sassi. Essi seguono tutti le orme di Ruggiero, riparando presso Logistilla; e più tardi ritornano ai loro paesi.
Il primo a riacquistare la forma umana è Astolfo, perché Ruggiero l'aveva raccomandato a Melissa in modo particolare, e, oltre alle raccomandazioni, le aveva restituito l'anello per potergli meglio giovare. La buona maga ritrova infatti nel palazzo le armi del duca inglese, tra le quali la famosa lancia d'oro, che fu già di Argalìa, e che sbalza di sella chiunque essa tocchi. Poi la maga monta sull'ippogrifo, fa salire in groppa anche Astolfo, e si dirige verso il regno di Logistilla, dove giunge un'ora prima di Ruggiero.

Ruggiero in cammino verso Logistilla (19-21) -Questi intanto, per vie aspre e selvagge, giunge ad una spiaggia arida e solitaria, che brucia sotto il calore del sole e che è animata soltanto dal canto della cicala. Ma l'eroe, per quanto vinto dal caldo, dalla sete e dalla fatica, prosegue il suo cammino verso il regno di Logistilla.

Rinaldo ottiene aiuti dalla Scozia e dall'Inghilterra (22-28) - Intanto Rinaldo, che, per aver salvato Ginevra, è tenuto in grande onore dal re di Scozia, gli espone il vero scopo della sua venuta, cioè la richiesta di aiuti da parte di Carlo. Il re gli promette di inviare tosto un esercito, e, poiché egli è ormai troppo vecchio per assumere il comando, vi pone a capo il proprio figlio Zerbino. Poi accompagna il Paladino fino a Berwick e si congeda commosso da lui.

Rinaldo salpa quindi per l'Inghilterra, risale il Tamigi e giunge a Londra. Qui si presenta al principe di Galles, che occupava il trono invece del re Ottone, assediato con Carlo a Parigi, e, in nome appunto di Ottone e di Carlo, gli domanda di raccogliere tutte le forze di cui può disporre e di sbarcarle a Calais in aiuto delle armi cristiane. Il Principe accoglie con grande onore il Paladino e stabilisce anche il giorno nel quale le truppe avrebbero dovuto adunarsi per l'imbarco.

Angelica ingannata dall'eremita (29-50) - Il poeta fa come il buon suonatore, che spesso muta corda e varia i toni del suo strumento, passando dal grave all'acuto, e ora, parlando di Rinaldo, si è ricordato di Angelica (che, fuggendo Rinaldo, si era imbattuta nell'eremita e gli aveva chiesto la via per giungere al mare), vedendo che il vecchio, preso da un folle desiderio, cercava di intrattenerla, si era allontanata senza più curarsi di lui.
L'eremita cercò allora di spingere il suo asinello per starle dietro, ma, non riuscendovi, fece entrare un demonio nel cavallo di lei, in modo da poterla raggiungere ovunque essa andasse. Il demonio, giunto al mare di Guascogna, spinge il cavallo nell'acqua, mentre Angelica vede con gran terrore il lido che sempre più si allontana. Infine il cavallo, dopo un gran giro, la porta, quando già cade la sera, fra oscuri scogli e spaventose spelonche. La donna allora, sempre più impietrita dal terrore, accusa piangendo la fortuna di non essere ancora sazia di tormentarla. Essa è stata cacciata dal suo regno, dove più non spera ritornare; va errando di luogo in luogo, acquistandosi fama di donna poco onesta, e, se è stata dotata di una rara bellezza, tale bellezza fu la causa prima delle sue sciagure, poiché per essa il fratello Argalìa fu ucciso da Ferraù, quantunque avesse la lancia fatata, e il padre Galafrone, re del Cataio, fu vinto da Agricane, re di Tartaria.
Mentre Angelica piange, e si dispera, l'eremita, che era arrivato da sei giorni in quei luoghi per opera di un demonio, e che l'aveva contemplata dalla cima di una roccia, le si presenta con aspetto compunto. La donna, riconfortata a quella vista, gli espone i suoi guai, che egli ben conosceva; ma il vecchio, dopo aver cercato di farle coraggio, si fa ardito e scopre le sue intenzioni. Angelica sdegnata lo respinge, ma quello trae dalla tasca un'ampolla magica, le spruzza negli occhi qualche goccia di un liquore e l'addormenta.

Angelica è presa dai corsari di Ebuda ed esposta all'orca (51-68) - Ma più grave sventura sopravviene ad Angelica, perché alcuni corsari dell'isola di Ebuda, scesi a terra per fare acqua e legnarla trovano addormentata e la rapiscono.
L'isola di Ebuda giace nel Mar di Tramontana, ad occidente dell'Islanda. Narrano le antiche storie che un re di quell'isola ebbe una figlia bellissima, che suscitò ardente amore nel dio marino Proteo, il quale un giorno la fece sua. Il re condannò a morte la poveretta, che stava per diventar madre; Proteo, sdegnato per tanto oltraggio, mandò contro quella terra le orche, le foche e tutto il suo gregge marino a recar strage e rovina. Gli abitanti, spaventati per tanta calamità, chiesero consiglio all'oracolo; e questi rispose che bisognava placare il dio, offrendogli di volta in volta una fanciulla, finché egli trovasse quella che, per la sua bellezza, lo compensasse della donna perduta. Ogni giorno infatti essi gli esponevano sul lido una fanciulla, ma nessuna riusciva mai a soddisfarlo, e tutte finivano in preda ad un'orca rimasta presso la foce. E poiché non bastavano le fanciulle native, essi si impadronivano di tutte quelle che approdavano nell'isola, o mandavano corsari nelle terre vicine per farne incetta con la forza o con le lusinghe o con l'oro.
In tal modo fu presa Angelica, che per la sua bellezza aveva commosso i cuori di Agricane, di Sacripante, di Orlando, e messo a soqquadro tutto l'Oriente. Esso, appena sbarcata nell'isola, fu rinchiusa in una rocca, in attesa del suo amaro destino. La sua celestiale bellezza mosse a pietà il popolo, che differì per qualche tempo il sacrificio; ma finalmente, quando vennero a mancare le vittime, fu esposta sulla fredda pietra in catene, mentre dietro a lei una gran folla assisteva piangendo alla tragica scena. Purtroppo sono ora lontani i suoi cavalieri, folli d'amore per lei: Orlando, Rinaldo, Ferraù e tutti gli altri, che sfiderebbero mille morti  per venirle in aiuto.

Orlando, mentre Parigi è cinta d'assedio, abbandona la città, per andare in cerca di Angelica
(69-87) - Intanto Parigi è cinta di assedio, e un giorno sta quasi per cadere in mano del nemico, che vi ha appiccato il fuoco, se Dio, esaudendo le preghiere di Carlo, non mandasse una gran pioggia che allaga la pianura e spegne l'incendio.
Nella notte Orlando non può chiudere occhio, pensando ad Angelica, che egli, dopo aver tratto con sé in Occidente fin dal Cataio, ha perduto nella battaglia di Bordeaux. Rimpiange di non aver impedito, anche con la forza, che Carlo l'affidasse al duca di Baviera; si dispera pensando che, trovandosi essa sola ed inerme, può essere caduta in mano altrui; e piange, e sospira e invoca la morte. Appena riesce a prender sonno, gli sembra di camminare con Angelica sopra una riva fiorita, quando all'improvviso si scatena una tempesta, ed egli perde di vista la donna, ma ode la voce di lei, che piangendo chiede aiuto. Egli accorre, ma non la trova, mentre una voce misteriosa gli grida che non avrà più gioia sulla terra.

Il Paladino, a questo grido, si sveglia, balza come un fulmine dal letto, si arma, monta in sella a Brigliadoro, e parte a mezzanotte senza dir nulla a nessuno. Per esser poi libero di mettersi per ogni via, senza che la sua dignità ne abbia danno, prende, invece delle sue insegne a quartieri  bianchi  e rossi,  delle  insegne  nere, spoglie di un nemico ucciso, che ben s'intonano col suo dolore. Re Carlo, il giorno seguente, apprende con dispiacere e con ira la sparizione del nipote in un momento tanto pericoloso per la guerra.

Brandimarte segue Orlando (88-91) - Intanto Brandimarte, l'amico più affezionato di Orlando, non potendo tollerare che gli si faccia ingiuria, parte alla ricerca del Paladino, senza dir nulla alla sua cara Fiordiligi, poiché spera di ritornare nello stesso giorno. Questa, dopo averlo atteso inutilmente per un mese, parte anch'essa in cerca del suo amato.


Intanto Orlando, giunto alla porta della città, si fa riconoscere in segreto a un capitano della scorta, si fa abbassare il ponte, e si allontana per la via più breve verso il campo nemico.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…