Passa ai contenuti principali

Riassunto del sedicesimo canto dell' Orlando furioso di Ludovico Ariosto - di Carlo Zacco


CANTO XVI

Sommario. - Le pene d'amore sono più difficili a sopportare quanto meno degno é l'oggetto della nostra passione — Grifone s'imbatte in Orrìgille e Martano, e si reca con loro alla giostra in Damasco — Continua l'assalto di Parigi — Rodomonte sparge ovunque morte e rovina — Arrivo di Rinaldo con gli aiuti inglesi — Rinaldo mette in fuga la prima schiera — Gli Scozzesi assalgono le altre schiere — Valore di Zerbino — Gli inglesi assalgono le schiere di Marsilio — Agramante interviene contro gli Irlandesi e gli Scozzesi — Carlo e i Paladini vanno contro Rodomonte.

Le pene d'amore sono più difficili a sopportare quanto meno degno è l'oggetto della nostra passione (1-4) - Varie sono le pene d'amore, ma, quando si pone l'affetto in una persona degna, anche se questa si mostra ritrosa, esse sono più lievi; quando si pone l'affetto in una persona indegna, sono più difficili a sopportare. Così Grifone, per quanto sapesse come Orrigille fosse malvagia e infedele, non poteva fare a meno di amarla disperatamente.
Grifone s'imbatte in Orrigille e Martano, e si reca con loro alla giostra in Damasco (5-16) -Grifone, uscito dalla città senza dir nulla al fratello, giunge in sei giorni a Damasco e prosegue poi verso Antiochia. Ma poco distante da Damasco incontra la perfida Orrigille, vestita molto sfarzosamente, in compagnia del suo degno cavaliere, anch'egli in gran pompa, scortato da due valletti. Essi sono diretti a Damasco, dove il re aveva
bandito in quei giorni una giostra,, alla quale chiunque poteva partecipare.
Non appena Orrigille scorge Grifone, prova un grande spavento, perché sa quanto egli sia più forte del suo compagno; ma con molta scaltrezza gli corre incontro, gli getta le braccia al collo, e, senza neppur lasciargli il tempo di parlare, lo rimprovera con le lacrime agli occhi dì averla lasciata per tanto tempo sola, sebbene malata, e gli presenta il cavaliere come suo fratello, che la buona sorte aveva mandato a proteggerla.
Grifone presta fede a queste false parole come se fossero vangelo, tenta scagionarsi, e abbraccia riconoscente il finto cognato. Poi si avvia con loro verso Damasco, per prender parte alla giostra.
Continua l'assalto di Parigi (17-19) - Intanto a Parigi la lotta ferve più che mai. Agramante — come sappiamo — ha mosso l'assalto ad una porta, credendola sguarnita, mentre è difesa da Carlo e da parecchi Paladini. I due eserciti, sotto gli occhi dei relativi sovrani, fanno prodigi di valore.
Rodomonte sparge ovunque morte e rovina (20-28) - Intanto Rodomonte, balzato d'un salto oltre il fossato, in cui la sua gente ha trovato orrenda morte, va correndo per la città, spargendo ovunque molte e rovina.
Tutti fuggono innanzi a lui, barricandosi nei templi e nelle case; ma egli, come una tigre, non risparmia né sesso, né età, e non si limita agli uomini, ma appicca il fuoco anche alle case, che in quel tempo erano quasi tutte di legno.
Arrivo di Rinaldo con gli aiuti inglesi (29-40) -Ma per fortuna delle armi cristiane sopraggiunge in questo momento Rinaldo con gli aiuti d'Inghilterra e di Scozia, condotti dall'arcangelo Michele e dal Silenzio.
Egli, disdegnando di assalire i Mori alle spalle, getta un" ponte sulla Senna a tre leghe dalla città, facendo passare le truppe dalla riva destra alla riva sinistra; ma manda innanzi luogo la riva destra le schiere di Odoardo e di Arimanno, per portare aiuto alla città dalla parte orientale, dove si trovano le porte di S. Martino e di S. Dionigi.
Passato il fiume e distrutti i ponti, il Paladino arringa le schiere, esortandole a combattere non soltanto per la salvezza del loro re Ottone e dell'imperatore Carlo Magno, ma per quella dì tutta la Cristianità. Egli prospetta anche il pericolo che una vittoria dei Mori possa aprire ad essi il dominio dell'Italia, della Germania e della stessa Inghilterra.
Poi Rinaldo divide l'esercito in tre parti, disponendo gli Scozzesi con Zerbino all'avanguardia lungo la Senna; gli Irlandesi più lontano dentro terra, e gli Inglesi col duca di Lincastro (Lancaster) in mezzo tra gli uni e gli altri.
Rinaldo mette in fuga la prima schiera (41-50) -Il Paladino, impaziente di combattere, procede lungo la riva, sorpassa in breve Zerbino e piomba inaspettato sui nemici. Allora i Cristiani danno fiato alle trombe, che erano rimaste per tanto tempo mute, ed elevano clamori che salgono al cielo, suscitando il terrore tra i nemici.
Rinaldo, che irrompe come una tempesta sul suo Baiar-do, accresce lo scompiglio. Solo il re Puliano, che non lo riconosce, gli si fa incontro, mettendo con eleganza la lancia in resta; ma il Paladino lo lascia morto al primo
colpo. Poi si lancia contro il corpulento re di Orano e gli trapassa il ventre, con molto sollievo per il cavallo, costretto a portare quel gran peso; e, avendo rotto l'asta, impugna Fusberta e fa strage da tutte le parti, mettendo in fuga la prima schiera.
Gli Scozzesi assalgono le altre schiere (51-58) -A questo punto entra in azione Zerbino coi suoi Scozzesi, che, simili a lupi o a leoni, si slanciano contro la seconda e la terza schiera, guidate rispettivamente da Sobrino e da Dardinello. Nello stesso tempo Trasone e Ariodante affrontano la quarta schiera, condotta da Isolieri. D'ogni parte è rumore di trombe, di armi, di lamenti, mentre la polvere avvolge ogni cosa e oscura l'aria. I vuoti si colmano con rapidità prodigiosa, e la terra rossa di sangue è seminata di uomini e di cavalli.
Valore di Zerbino (59-65) - Zerbino, nonostante la sua giovane età, fa prodigi di valore, suscitando Io sgomento nel campo nemico.
I due fratelli Chelindo e Mosco, figli del defunto re d'Aragona, e Calamidoro di Barcellona, ritenuto uno dei più gagliardi guerrieri, si fanno addosso al giovane principe e riescono a uccidergli il cavallo. Ma egli, rialzatosi tosto da terra, trafigge Mosco nel fianco, uccide con un sol colpo di spada Chelindo col suo cavallo, abbatte il cavallo di Calamidoro, mentre il cavaliere, fuggendo carponi, viene calpestato dal cavallo di Trasone. Frattanto Ariodante e Lurcanio, menando strage in giro, fanno largo intorno a Zerbino per dargli modo di rimontare in sella.
Gli Inglesi assalgono le schiere di Marsilio (66-74) - In altra parte del campo le schiere inglesi sono alle prese con gli Spagnoli del re Marsilio. La battaglia rimane a lungo indecisa, finché i Saracini, vedendo cadere alcuni tra i loro duci, si volgono in fuga.
Allora Ferraù, che era rimasto fino allora presso Marsilio, vedendo che i suoi hanno la peggio, e che un suo giovane amico, il citarista Olimpio della Serra, stramazza al suolo col cranio spaccato, si slancia tra i nemici, abbatte l'uccisore, e ruota intorno la spada, facendo fuggire tutti in disordine.
Agramante interviene contro gli Irlandesi e gli Scozzesi (75-84) - A questo punto interviene nella lotta Agramante coi suoi duci migliori. Egli manda il re di Feza a fronteggiare l'esercito degli Irlandesi, di cui si annuncia prossimo l'arrivo; poi, invocato da Sobrino, muove col resto dell'esercito contro gli Scozzesi.
Costoro, di fronte a così grande rinforzo, abbandonano il campo, lasciando soli Zerbino, Ariodante e Lurcanio. Zerbino, che è ancora senza cavallo, si trova in grave pericolo.
Ma Rinaldo, che ha ormai messo in fuga numerose schiere, apprendendo il pericolo in cui si trova Zerbino, accorre prontamente in suo aiuto. Egli si imbatte nei fuggiaschi, li rianima, li volge di nuovo alla battaglia; poi, impugnata l'asta di uno scudiero atterra alcuni dei condottieri nemici, e, rotta l'asta, impugna la spada e fa il vuoto intorno a Zerbino, che può risalire finalmente in sella.
Sopraggiungono intanto Agramante, Dardinello e Sobrino; e, mentre Zerbino semina nuovamente la strage, Rinaldo si getta su Agramante, lo riferisce e lo fa cadere insieme al cavallo.
Carlo e i Paladini vanno contro Rodomonte (85-89) - Frattanto Rodomonte in Parigi continua a menar strage e rovina.

Carlo Magno, intento ad accogliere nella città le schiere inglesi di Odoardo e di Arimanno non se n'avvede; ma quando giunge a lui uno scudiero pallido e anelante, che gli riferisce l'orribile scempio, raccoglie subito il fiore dei suoi guerrieri, e si dirige verso la piazza dove infuria il Saracino.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…