Passa ai contenuti principali

Promettimi che mi amerai di Monica Murphy - Marta Armelloni

I protagonisti di questo romanzo sono Jen e Colin, che sono rispettivamente la migliore amica e il datore di lavoro di Fable, ragazza alla quale sono dedicati i primi due libri della serie.
Colin è il proprietario di una catena di ristoranti, attraente e ricco potrebbe avere ai suoi piedi tutte le donne che vuole, infatti lui non è il ragazzo fatto per le relazioni stabili.
Jen , la sorella minore del migliore amico di Colin, ormai defunto da circa due anni, è una bellissima ragazza che vuole costruirsi un futuro all’altezza dei suoi progetti. Dato il suo passato piuttosto imbarazzante e orribile ai suoi ricordi, Jen vuole essere e poco più avanti riuscirà ad essere,una donna migliore, la donna che si fa rispettare e che ha la testa sulle spalle.
Il libro è scritto alternando i punti di vista sia di Colin che di Jen, il loro rapporto è un po’ ambiguo, una di quelle amicizie nelle quali entrambi provano una grossa attrazione l’uno per l’altro, e non solo fisica, ma al momento fatidico di fare il passo successivo, che potrebbe far cambiare le cose, entrambi, per motivi diversi, tornano nel loro guscio, dicendo la cosa sbagliata o non parlando quando sarebbe necessario farlo. Questo tipo di narrazione mi piace molto, perché permette al lettore di immedesimarsi al cento per cento nei panni dei due protagonisti.
 Jen  prova a smuovere un po’ le cose tra di loro, abitano insieme, condividono momenti in realtà molto intimi, ma casti, e son più le volte che girano in casa mezzi nudi, che vestiti, ma Colin è come un muro di gomma, a causa di una serie infinita di sensi di colpa nei confronti della ragazza e ha paura di rovinare tutto tra loro.  Jen davanti ai problemi e alle cose che la fanno soffrire scappa, lo ha fatto in passato, finendo in grossi guai ed è stata aiutata da Colin per venirne fuori, e non ha la lucidità e l’umiltà di ammettere di non essere in grado di fare le cose da sola, nonostante la sua più cara amica e Colin glielo facciano notare. Si lamenta di essere stufa di essere aiutata e salvata da Colin, ma non usa nessuna accortezza per evitare di correre pericoli e finire di nuovo nei guai, un bel controsenso.
Colin ha il complesso del “cavaliere dall’armatura scintillante”, sempre pronto ad aiutare Jen e fare qualsiasi cosa per lei, è protettivo,ma quando si tratta di mettersi in gioco con lei sul piano dei sentimenti è una vera frana e si lascia travolgere dalle sue insicurezze.
Tra i due l’impasse si sblocca quando decidono di provare a lasciarsi andare e scoprire dove li porterà l’attrazione che provano entrambi, una relazione senza impegno con i giorni contati, prima della partenza di Jen. Questa naturalmente è la parte più bella del libro, il loro rapporto diventa più sciolto e si riesce a intravedere la magnifica coppia che potrebbero essere. Una coppia incandescente a dir poco, e la scrittrice è riuscita a trasmettere in modo perfetto l’intensità dei loro sentimenti e la loro sensualità.
La loro “relazione” si interrompe quando Jen si trasferisce, come da copione, pensando che la nuova coinquilina con la quale aveva solo parlato al telefono, sia una ragazza d’oro. Appena arrivata nella nuova casa Jen scopre che con Angela, la coinquilina, vive il ragazzo. Durante la prima notte succede ciò che farà più arrabbiare Colin, il ragazzo di Angela vuole abusare sessualmente di Jen. Intanto Colin paga suo padre per fare delle ricerche e trovare la nuova abitazione di Jen per andare a riprendersi la sua anima gemella. Quando Angela trova Jen e il suo ragazzo insieme, caccia Jen di casa spiegandole che lui sta uscendo da un problema di dipendenza dal sesso, quindi Jen si trova con il suo borsone per strada.  Colin era appena arrivato a destinazione quando la vede, le confessa il suo amore e la riporta a casa. Lei sarà la sua partner di lavoro e di vita, per sempre.
Questo libro mi è piaciuto molto perché leggendo pagina dopo pagina mi immaginavo sempre più la storia dei due innamorati, adoro la narrazione doppia e penso che questo romanza faccia capire il vero senso dell’amore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…