Passa ai contenuti principali

Levommi il mio penser in parte ov'era, sonetto 302 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco


I sonetti 279 e 302 sono strettamente legati a livello tematico: in essi vengono raffigurate due epifanie di Laura, o meglio, due fantasie del poeta che si immagina di incontrarla e parlare con lei. 
302 – Levommi il mio penser in parte ov'era

Struttura. In questo caso la struttura è circolare:
1)      I quartina. Questa volta è il poeta a recarsi là dove si trova Laura, cioè in cielo, e in particolare nel III cielo, quello degli spiriti amanti, governato da Venere.
2)      Parte centrale. Parla Laura: con fare affettuoso (lo prende per mano), lo rassicura sul fatto che un giorno saranno entrambi in cielo, e non solo, dichiara anche di attendere pazientemente e fedelmente il poeta soltanto (amore esclusivo).
3)      II terzina. Sempre con un gesto della mano Laura si congeda, e parla di nuovo il poeta: lamentandosi del distacco, e dichiarando la forza sconvolgente di quella visione.

   Levommi il mio penser in parte ov'era

quella ch'io cerco, et non ritrovo in terra:

ivi, fra lor che 'l terzo cerchio serra,

la rividi più bella et meno altera.

 


   Per man mi prese, et disse: - In questa spera

sarai anchor meco, se 'l desir non erra:

i' so' colei che ti die' tanta guerra,

et compie' mia giornata inanzi sera.

 

 

   Mio ben non cape in intelletto humano:

te solo aspetto, et quel che tanto amasti

e la giuso è rimaso, il mio bel velo. –

 


   Deh perché tacque, et allargò la mano?

Ch'al suon de' detti sì pietosi et casti

poco mancò ch'io non rimasi in cielo.

levommi: mi sollevo, in visione;

quella: Laura; ivi..rividi: ivi, in paradiso, la rivide;

fra lor..serra: fra le anime (lor: coloro) che il cielo di Venere

racchiude; e il cielo dantesco degli spiriti amanti, ma anche

quello in cui san Paolo dice di essere stato rapito;

cerchio: cielo; altera: distante, superba;

per..prese: emistichio tipicamente narrativo (e dunque

riservato, nel duecento, a op. comiche o elegiache);

spera: cielo;

anchor..meco: un’altra volta, come in terra;

i’ so’ colei che: modulo dantesco;  guerra: pena, affanno;

compie’..sera: morii prematuramente; la vita umana e

paragonata al giorno in cui ‘sera’ sarebbe la vecchiaia;

mio ben..humano: la mia beatitudine non e comprensibile da un intelletto umano;

et quel..velo: ‘(e aspetto) quello, cioe di ricongiungermi (nella risurrezione della carne) con quello che tu hai tanto amato e che e rimasto giu a terra: il mio bel corpo’;

detti: parole; rimasi: indicativo di asseverazione;


Analisi. Siamo solo all’inizio del percorso di ricomposizione, a questo livello il poeta è ancora attaccato al ricordo di Laura, e queste visioni, benché fonte di grande consolazione, non gli servono a distaccarsi totalmente da lei. Il percorso di rielaborazione del lutto è appena iniziato.

Levommi il mio pensier. Anche in questo caso ci sono segnali che il poeta può raggiungere la felicità in cielo solo se sa che si ricongiungerà con laura:
 - De Sanctis: «non basta dire: ‘Anchor sarai tu in questa spera’, ma ci aggiunge un ‘meco’, piccolo particolare ma dal valore infinito: che cosa è infatti il Paradiso senza Laura?»
Non c’è beatitudine senza Laura. In entrambi i testi P. non sa concepire la beatitudine senza Laura, ed è alla ricerca ostinata di un contatto con lei.

Rimpianto e insufficienza espressiva

Un' opportunità sprecata. Prima di giungere a rinnegare la passione terrena, ed abbracciare definitivamente la via cristiana, Petrarca tocca un tema intermedio: quello del rimpianto di non aver potuto stringere con Laura un rapporto casto, cioè non peccaminoso.
 - Alla fine del canzoniere Petrarca inserisce alcuni sonetti in cui immagina se stesso e Laura ormai vecchi, ancora innamorati, ma senza tensione erotica.
Dolore diverso. È un dolore diverso: quello dei due sonetti precedenti ha ancora dentro di sé il desiderio di una vicinanza reale, questo no: è il rimpianto di non aver potuto godere di un rapporto casto con lei. Come dire: ora che sono vecchio e non ho più i ‘bollenti spiriti’ che tenevano lontana Laura, lei è morta, e questa possibilità è venuta meno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…