Passa ai contenuti principali

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi


Apprendimento cooperativo: 
qui sopra videorecensione del professore su youtube

qui sotto:
audiorecensione del professore in mp3
approfondimento scritto di un alunno/a

AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma

Le idi di marzo

Valerio Massimo Manfredi

Relazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD

"Idi di Marzo"

Titolo

1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”.

Autore

2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”…

Riassunto

3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. Si tratta proprio di un Cesare incapace di reggere il peso di un potere immenso e che sta cercando di organizzare una nuova campagna bellica contro i Parti. Il problema è che diversi senatori (tra cui Bruto, Cassio, Longino..) stanno organizzando una congiura, la quale non potrà essere fermata dal suo compagno di mille battaglie Publio Sestio, nemmeno dalla moglie Calpurnia, dall’amante Servilia, dal suo medico personale Antistio e dal luogotenente Silio Salvidieno. Cesare sarà quindi ucciso le Idi di Marzo del 44 a.C.

Personaggi

4. Il personaggio principale è Giulio Cesare ma ci sono anche altri personaggi secondari:
- Antistio è il medico personale di Cesare e secondo i suoi pensieri, la seconda pugnalata fu quella mortale.
- Artemidoro è l’insegnante di Bruto che il giorno della congiura diede a Cesare un biglietto contenente i nomi dei congiurati ma il pontefice non riuscì ad aprirlo perché era in mezzo alla folla.
- Attico Tito Pomponio è un amico intimo di Cicerone.
- Bebio Carbone è un personaggio di fantasia, un legionario di presidio all’osteria e stazione di posta. Dopo l’incontro con Publio Sestio, inizia a nutrire un ambizione di carriera.
- Calpurnia è la moglie di Cesare che, alla vigilia delle Idi di Marzo, ha sogni premonitori e cerca in tutti i modi di persuadere Cesare dall’andare in Senato. Nonostante i vari tradimenti del marito, rimane sempre fedele.
- Canidio è un personaggio di fantasia, capo della servitù di Bruto che si impegna a mettere in disordine la biblioteca affinchè Artemidoro rimanga occupato a sistemarla.
- Cassio Parmense è uno dei senatori che partecipò alla congiura. Combattè nella battaglia di Filippi con Bruto, ma poi passò rispettivamente dalla parte di Sesto Pompeo e Antonio. Dopo la battaglia di Azio (31a.C.) fu ucciso per volere di Ottaviano.
- Cleopatra è una donna di grande fascino che ebbe un figlio da Cesare ma dopo la sua morte, sposa Antonio. Si suicida dopo il consorte nel 31 a.C., facendosi mordere da un aspide.
- Decimo Junio Bruto Albino è un generale e amico di Cesare che ha un ruolo determinante nella congiura e, infatti, convince Cesare a recarsi in senato quel giorno.
- Decio Scauro è un personaggio di fantasia che ha servito Cesare ma è passato dalla parte dei pompeiani, sotto Sergio Quintiliano.
- Gaio Casca Servilio è un cesaricida, fratello di Publio.
- Gaio Cassio Longino è colui che, insieme a Bruto, organizza la congiura. E’ stato questore di Crasso ed è sopravvissuto alla disfatta di Carre.
- Gaio Trebonio è anch’egli un cesaricida.
- Lucio Calpurnio Pisone Cesonino è il suocero di Cesare e, su sua richiesta, fu aperto e letto nella casa di Antonio il testamento di Cesare.
- Antonio è il collega di Cesare che ebbe un ruolo rilevante in questo periodo e anche nel prossimo.
- Lepido partecipa al secondo triumvirato e, dopo la morte di Cesare, Ottaviano lo relega nel ruolo secondario di pontefice massimo.
- Marco Junio Bruto è uno dei partecipanti alla congiura che, nella battaglia di Filippi, fu sconfitto e si suicida.
- Marco Tullio Cicerone è un uomo di grande prestigio culturale, famoso oratore che ebbe un ruolo centrale nella dura repressione della congiura di Catilina e riuscì ad ottenere il perdono da Cesare.
- Mustela è un personaggio di fantasia, una spia cioè un agente dei anticesariani. E’ una persona fisicamente sgradevole e pericolosa che lotta contro il tempo in competizione con Publio Sestio.
- Nebula è anch’egli un personaggio di fantasia e le sue informazioni avrebbero potuto salvare la vita a Cesare.
- Porzia è la moglie di Bruto, fedele agli ideali conservatori repubblicani che era a conoscenza della congiura.
- Publio Sestio detto “il bastone” è un amico di Cesare che mostra una forza d’animo e una fedeltà quasi sovrumana nei suoi confronti e per la sua salvezza affronta senza risparmio e senza tentennamenti ogni prova.
- Servilia è la famosa amante di Cesare.
- Silio Salvidieno è un personaggio di fantasia, che, insieme ad Antistio, cerca di aiutare Cesare ma viene imprigionato e liberato subito dopo la morte del pontefice.
- Tolomeo Cesare è il figlio di Cesare avuto dalla regina d’Egitto Cleopatra.

Spazio

5. La vicenda si svolge a Roma in luoghi sia aperti che chiusi ma i luoghi non fanno da sfondo alle vicende dei personaggi in quanto acquistano un ruolo abbastanza rilevante.

Tempo

6. I fatti narrati si svolgono nel 44 a.C. e comprendono gli ultimi giorni di vita di Cesare, quando si organizza la congiura. Ci sono diverse riflessioni, ma nonostante ciò prevalgono le azioni e c’è qualche flashback.

Stile

7. Il linguaggio adottato dall’autore è abbastanza semplice, privo di espressioni dialettali ma ci sono diverse frasi latine.

Tecniche narrative

8. Prevale il discorso diretto e non c’è il discorso indiretto libero. Tuttavia ci sono diverse riflessioni.

Narratore

9. Il narratore è onnisciente e a volte assume il punto di vista dei personaggi.

Tematiche

10. Nel testo sono presenti diverse ideologie, secondo il pensiero di ogni personaggio. Il testo può tuttavia considerarsi attuale poiché, a mio avviso, è interessante conoscere e approfondire ulteriormente la storia che si è studiata.

Commento

11. Questo libro mi è piaciuto molto in quanto mi ha incuriosito e nonostante fossi a conoscenza dei fatti narrati, mi ha attirato molto in quanto apprezzo la storia in generale

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…