Passa ai contenuti principali

La favola del piacere, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - Meriggio - vv. 250-339 - di Carlo Zacco


Prima di sedersi a tavola, il precettor d’amabil rito si rivolge al giovin signore, e gli spiega da dove ebbe origine il piacere.

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

    Forse vero non è; ma un giorno è fama,

Che fur gli uomini eguali; e ignoti nomi

Fur Plebe, e Nobiltade. Al cibo, al bere,

All’accoppiarsi d’ambo i sessi, al sonno

Un istinto medesmo, un’egual forza

Sospingeva gli umani: e niun consiglio

Niuna scelta d’obbietti o lochi o tempi

Era lor conceduta. A un rivo stesso,

A un medesimo frutto, a una stess’ombra

Convenivano insieme i primi padri

Del tuo sangue, o Signore, e i primi padri

De la plebe spregiata. I medesm’antri

Il medesimo suolo offrieno loro

Il riposo, e l’albergo; e a le lor membra

I medesmi animai le irsute vesti.

Sol’ una cura a tutti era comune

Di sfuggire il dolore, e ignota cosa

Era il desire agli uman petti ancora.

 

Lo stato di natura. All’inizio tutti gli uomini erano uguali, e non esistevano le definizioni di Plebe e di Nobiltà;

 - uguale era il per tutti l’istinto di mangiare, bere e accoppiarsi;

 

 - a nessuno era lasciata facoltà di scegliere ciò che preferivano, perché ciascuno mangiava ciò di cui aveva bisogno;

 - tutti bevevano ad un medesimo fiume, sedevano alla stessa ombra: sia i progenitori del nobile giovin signore, sia quelli della spregevole plebe;

 

 - riposavano nelle stesse caverne;

 - vestivano delle stesse pelli di animali;

 - tutti inoltre aveva un’unica occupazione comune: sfuggire al dolore;

 - il desiderio era ignoto;

(questa rappresentazione fa venire in mente vico)

 

 

270

 

 

 

 

175

 

 

 

 

280

 

 

 

     L’uniforme degli uomini sembianza

Spiacque a’ celesti: e a varïar la terra

Fu spedito il Piacer. Quale già i numi

D’Ilio sui campi, tal l’amico genio,

Lieve lieve per l’aere labendo

S’avvicina a la terra; e questa ride

Di riso ancor non conosciuto. Ei move,

E l’aura estiva del cadente rivo,

E dei clivi odorosi a lui blandisce

Le vaghe membra, e lentamente sdrucciola

Sul tondeggiar dei muscoli gentile.

Gli s’aggiran d’intorno i Vezzi e i Giochi,

E come ambrosia, le lusinghe scorrongli

Da le fraghe del labbro: e da le luci

Socchiuse, languidette, umide fuori

Di tremulo fulgore escon scintille

Ond’arde l’aere che scendendo ei varca.

 

La raffigurazione del Piacere. Ma l’uniforme condizione degli uomini spiacque agli dei:

 - che ad introdurre un elemento di variazione inviarono sulla terra il piacere.

 - come gli dei scendevano nei campi di Troia, così questo genio si fece largo sulla terra;

 - il piacere si avvicina alla terra, e viene carezzato in ogni parte del suo corpo dall’aria;

 

 

 

 - è accompagnato da divinità minori: i Vezzi e i Giochi;

                                                                                

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

     Alfin sul dorso tuo sentisti, o Terra,

Sua prim’orma stamparsi; e tosto un lento

Fremere soavissimo si sparse

Di cosa in cosa; e ognor crescendo, tutte

Di natura le viscere commosse:

Come nell’arsa state il tuono s’ode

Che di lontano mormorando viene;

E col profondo suon di monte in monte

Sorge; e la valle, e la foresta intorno

Mugon del fragoroso alto rimbombo,

Finché poi cade la feconda pioggia

Che gli uomini e le fere e i fiori e l’erbe

Ravviva riconforta allegra e abbella.

 

La reazione della terra. Infine il Piacere appoggia il piede sulla terra, che avverte la sua presenza per la prima volta, provando un brivido di eccitazione;

 

 - come un fresco temporale estivo rigenera la natura sconvolta dal calore;

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

Oh beati tra gli altri, oh cari al cielo

Viventi a cui con miglior man Titáno

Formò gli organi illustri, e meglio tese,

E di fluido agilissimo inondolli!

Voi l’ignoto solletico sentiste

Del celeste motore. In voi ben tosto

Le voglie fermentár, nacque il desio.

Voi primieri scopriste il buono, il meglio;

E con foga dolcissima correste

A possederli. Allor quel de’ due sessi,

Che necessario in prima era soltanto,

D’amabile, e di bello il nome ottenne.

Al giudizio di Paride voi deste

Il primo esempio: tra feminei volti

A distinguer s’apprese; e voi sentiste

Primamente le grazie. A voi tra mille

Sapor fur noti i più soavi: allora

Fu il vin preposto all’onda; e il vin s’elesse

Figlio de’ tralci più riarsi, e posti

A più fervido sol, ne’ più sublimi

Colli dove più zolfo il suolo impingua.

 

Così l’Uom si divise: e fu il Signore

Dai volgari distinto a cui nel seno

Troppo languir l’ebeti fibre, inette

A rimbalzar sotto i soavi colpi

De la nova cagione onde fur tocche:

E quasi bovi, al suol curvati ancora

Dinanzi al pungol del bisogno andáro;

E tra la servitute, e la viltade,

E ’l travaglio, e l’inopia a viver nati,

Ebber nome di Plebe.

                                         Or tu Signore

Che feltrato per mille invitte reni

Sangue racchiudi, poiché in altra etade

Arte, forza, o fortuna i padri tuoi

Grandi rendette, poiché il tempo alfine

Lor divisi tesori in te raccolse,

Del tuo senso gioisci, a te dai numi

Concessa parte: e l’umil vulgo intanto

Dell’industria donato, ora ministri

A te i piaceri tuoi nato a recarli

Su la mensa real, non a gioirne.

Le razioni degli uomini. Tra gli uomini, quelli che ebbero più fortuna furono quelli a cui il titano prometeo formò sensi più ricettivi e delicati;

 

 - questi sentirono il primo solletico del piacere;

 - in loro per primi nacque il desiderio;

 

 - loro scoprirono le differenze tra le cose, e impararono a distinguere le cose buone e quelle migliori;

 - allora, il sesso femminile, che prima di allora era destinato solo alla procreazione, fu definito «bello»;

 

 - un esempio di ciò fu il giudizio di Paride;

 

 

 - quei primi uomini, i progenitori degli attuali nobili, distinsero per la prima volta i sapori più dolci;

 - fu scoperto il vino;  

 - e dei vari vini si scoprì come produrre il migliore;

 

 

 

La plebe. Così l’uomo si divise:

 - i nobili furono distinti dai volgari individui a cui erano rimaste fibre insensibili, incapaci di reagire agli stimoli del piacere;

 

 - questi lavorano curvi come buoi;

 

 - questi ebbero il nome di Plebe: nati per vivere in schiavitù, umiliazioni, fatiche, e povertà;

 

Il giovin signore deve quindi rallegrarsi di tutto questo.

 

 



Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…