Passa ai contenuti principali

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco


Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37

Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone.
- Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba. 
 - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche.
Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.
 - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;
 - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;
 - infine Adone viene avviato alla scienza moderna;
Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone e Venere.

Il canto dell’usignolo
Il giardino del piacere è costituito da una successione di varie zone, ciascuna dedicata ad uno dei cinque sensi; nel canto VII Adone si trova nel giardino dell’udito, dove, a un certo punto, Mercurio loda il canto dell’usignolo. Dopo l’elogio, Mercurio racconta la storia di una gara di canto tra un musico e un usignolo, in cui è il primo a risultare vincitore, poiché, nel voler imitare il cantante, l’usignolo scoppia.

32

Ma sovr’ogni augellin vago e gentile

che più spieghi leggiadro il canto e’l volo

versa il suo spirto tremulo e sottile

la sirena de’ boschi, il rossignuolo,

e tempra in guisa il peregrino stile

che par maestro del’alato stuolo.

In mille fogge il suo cantar distingue

e trasforma una lingua in mille lingue.

Inizia la lode dell’usignolo, considerato il più aggraziato e bello degli  uccelli, dai quali si distingue per il canto: particolarmente vario e aggraziato.

 - Aggettivazione sovrabbondanti: vago e gentile; tremulo e sottile;

 - Metafore ardite: sirena dei boschi: unisce due mondi lontani, quello marino e quello silvestre;

33

Udir musico mostro, o meraviglia,

che s’ode sì, ma si discerne apena,

come or tronca la voce, or la ripiglia,

or la ferma, or la torce, or scema, or piena,

or la mormora grave, or l’assottiglia

or fa di dolci groppi ampia catena,

e sempre, o se la sparge o se l’accoglie

con egual melodia la lega e scioglie.

 

Qui inizia a descrivere il canto dell’uccellino. È da notare come il poeta descriva la melodia con un immagine visiva, come se fosse qualcosa di concreto, che l’animale modella a suo piacimento.

 - Figure di suono. Musico/mostro/meraviglia (allitterazioni); scema/piena, dolci/groppi (assonanza);

 - Procedimento per accumulazione (or..or..);

34

O che vezzose, o che pietose rime

lascivetto cantor compone e detta.

Pria flebilmente il suo lamento esprime,

poi rompe in un sospir la canzonetta.

In tante mute or languido, or sublime

varia stil, pause affrena e fughe affretta,

ch’imita insieme e’nsieme in lui s’ammira

cetra flauto liuto organo e lira.

 

Qui l’usignolo viene descritto come se fosse un poeta o un musicista (linguaggio tecnico):

 - poesia:  rime; compone e detta; canzonetta;

                   lamento/pietose: rif. ai precedenti letterari;

 - musica: mute (variazioni), pause, fughe; strumenti: cetra, flauto, liuto, organo e lira (accumulazione);

Marino sfoggia erudizione

 - Allitterazioni: flebilmente/lamento;

 - assonanze: affrena/affretta;



 


35

Fa dela gola lusinghiera e dolce

talor ben lunga articolata scala.

Quinci quell’armonia che l’aura molce,

ondeggiando per gradi, in alto essala,

e, poich’alquanto si sostiene e folce,

precipitosa a piombo alfin si cala.

Alzando a piena gorga indi lo scoppio,

forma di trilli un contrapunto doppio.

Continua a descrivere il movimento della melodia tramite linguaggio tecnico della musica:

 - linguaggio iper-specialistico: articolata scala; armonia; gradi; trilli; contrappunto doppio;

 - parallelismo vv. 4/6: rappresenta icasticamente il salire e scendere della melodia;

36

Par ch’abbia entro le fauci e in ogni fibra

rapida rota o turbine veloce.

Sembra la lingua, che si volge e vibra,

spada di schermidor destro e feroce.

Se piega e’ncrespa o se sospende e libra

in riposati numeri la voce,

spirto il dirai del ciel che’n tanti modi

figurato e trapunto il canto snodi.

 

Continua ancora con ipotesi sulle caratteristiche fisiche dell’animale.

 - Figure di suono: Fauci/fibra; rapida/rota; volge/vibra;

37

Chi crederà che forze accoglier possa

animetta sì picciola cotante?

e celar tra le vene e dentro l’ossa

tanta dolcezza un atomo sonante?

O ch’altro sia che da liev’aura mossa

una voce pennuta, un suon volante?

e vestito di penne un vivo fiato,

una piuma canora, un canto alato?

Sequenza di domande retoriche, sempre volta a mettere in evidenza le caratteristiche dell’usignolo. Questa ottava si segnala per l’accumulazione di figure retoriche molto ardite, l’usignolo è definito:

 - sineddochi: atomo sonante; voce pennuta; suon volante; fiato vestito di penne; piuma canora; canto alato;


L’effetto finale è quello di uno straordinario virtuosismo stilistico. Questo virtuosismo ha due funzioni:
1)      Descrivere l’oggetto minuziosamente, indugiando sul piacere di una descrizione elaborata;
2)      Attraverso l’abbondanza di figure di suono, ed effetti fonosimbolici, la poesia riproduce le caratteristiche stesse dell’oggetto descritto.

In un certo qual modo la poesia si sostituisce alla realtà (esempio: primavera di Vivaldi). 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…