Passa ai contenuti principali

Bartleby lo scrivano di Herman Melville


PREMESSA
Ecco una ulteriore dimostrazione (come se ce ne fosse bisogno dopo Moby Dick) della estrema modernità di Melville, che è uno scrittore del novecento vissuto nell’ottocento, nel senso che certi racconti, come questo, sembrano presagire molto della narrativa kafkiana, in modo particolare e del romanzo psicologico, esistenzialista alla Sartre o Camus, surreale (tutta la vicenda sembra quasi un incubo che tormenta il protagonista) e dell’assurdo. Poe e Melville sono la testimonianza della originalità della nascente letteratura statunitense. Ma a questo punto potremmo farci la domanda fondamentale: chi è lo scrivano?

INTERPRETAZIONE PSICOLOGICA
Bartleby è una parte di noi, una parte ingombrante, forse la coscienza con la quale il borghese-tipo, l’avvocato che ha lo studio in Wall street, non vorrebbe fare i conti, che lo inquieta.

INTERPRETAZIONE CRISTOLOGICA
 infatti a un certo punto del brano si dice che è stata la provvidenza a far capitare Bartleby nello studio dell’avvocato.

INTERPRETAZIONE ESOTERICA
  e se Bartleby fosse l’incarnazione di un modo buddista di affrontare la vita, lontano dall’attivismo frenetico occidentale? Bartleby infatti sembra incarnare la regressione, la passività più volte invocata nelle filosofie orientali come rimedio di fronte alle ansie causate dalla realtà quotidiana.

INTERPRETAZIONE SOCIOLOGICA
Il mestiere dello scrivano, cioè del copista legale, è stato sostituito ai giorni anzitutto dalle fotocopiatrici, e semmai dagli assistenti degli studi legali. Questo mestiere mi ha fatto venire in mente il lavoro arido di contabile in una banca, così come è rappresentato da Alfonso Nitti in Una vita di Italo Svevo, o nel Belluca di Il treno ha fischiato di Pirandello. Malgrado questo, però, mi sembra chiaro che il principale tema di riflessione in questo racconto di Melville non sia quello sociale, ma quello psicologico-spirituale sopra ricordato.

NARRATORE
Non vi sembra che il fatto che il narratore non abbia un nome induce il lettore a immedesimarsi, a considerarsi coinvolto in prima persona? Lo dimostra anche il finale aperto dell’opera, che siamo chiamati a interpretare, a dispetto di tutte le ipotesi sopra citate,  in modo estremamente soggettivo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.