Passa ai contenuti principali

Alla sua donna, di Giacomo Leopardi - parafrasi interlineare di Carlo Zacco


Canti
X – Alla sua donna

1
Cara beltà
che m'inspiri
amore
lunge,
o nascondendo il viso,
fuor se,
ombra diva,

Cara bellezza
che mi infondi
amore
da lontano,
o nascondendo il viso,
tranne quando,
come ombra divina

mi scuoti
il core
nel sonno,
o ne' campi
ove il riso
di natura
e il giorno
splenda più vago;
mi colpisci
il cuore
in sogno,
o in campagna
quando il sorriso
della natura
e il giorno
brilla più bello;

forse tu
beasti
l'innocente secol
che dall'oro ha nome,
or,
anima leve,
voli intra la gente?
tu forse
hai reso lieto
il periodo innocente
dell’età dell’oro,
e ora,
come soffio leggero,
voli tra la gente?

o
la sorte avara
ch'a noi t'asconde
te prepara agli avvenir?
oppure
la sorte avara
che ti nasconde a noi
ti prepara per quelli che verranno?

2
Omai
m'avanza nulla spene
mirarti viva;
se non fosse allor,
allor che
lo spirto mio

Ormai
non mi resta nessuna speranza
di rivederti viva e reale;
se non fosse quando,
quando
il mio spirito

verrà
ignudo
e solo
per novo calle
a peregrina stanza.
Già sul novello aprir
di mia giornata
verrà
privo del corpo
e solo
per una via nuova
in una dimora sconosciuta.
Fin dall’inizio
della mia vita

io mi pensai
te
incerta e bruna,
viatrice
in questo arido suolo.
Ma in terra
non è cosa

io mi immaginei
te
incerta e scura,
come una guida
in questo deserto.
Ma in terra
non vi è nulla


che ti somigli;
e s'anco alcuna ti fosse
pari al volto,
agli atti,
alla favella,
saria,
così conforme,
che ti somigli;
e quand’anche una fosse
simile a te in viso,
negli atti,
nel linguaggio,
sarebbe,
benché così simile,

assai men bella.


molto meno bella di te.



3
Fra cotanto dolore,
quanto il fato
propose
all'umana età,
se alcun
t'amasse in terra
vera
e quale

In tanto dolore,
quanto il destino
prescrisse
alla vita mortale,
se qualcuno
ti amasse in terra
reale
e come

il mio pensier ti pinge,
pur
questo viver
fora a lui
beato:
e ben chiaro vegg'io
siccome
il mio pensiero ti raffigura,
nonostante ciò
questa vita
sarebbe per lui
beata:
e io vedo chiaramente
come

ancora
l'amor tuo
mi farebbe
seguir
loda e virtù
qual ne' prim'anni.
Or
il ciel
anche ora
l’amore per te
mi porterebbe
a inseguire
gloria e virtù
come nei primi anni.
Ora invece
il cielo

non aggiunse
nullo conforto
ai nostri affanni;
e teco
la mortal vita
saria simile
a quella
che nel cielo india.
non concesse
nessun conforto
ai nostri mali;
e con te
la vita mortale
sarebbe simile
a quella
del paradiso.

4
Per le valli,
ove suona
il canto
del faticoso agricoltore,
ed io seggo
e mi lagno
del giovanile error


Per le valli,
dove risuona
il canto
del contadino che fatica,
e io siedo
e mi lamento
delle illusioni giovanili


che m'abbandona;
e per li poggi,
ov'io rimembro
e piagno
i perduti desiri,
e la perduta speme
che son venute meno;
e per i colli,
dove ricordo
e piango
i desideri
e la speranza perduta

de' giorni miei;
di te pensando,
mi sveglio a palpitar.
E potess'io,
nel secol tetro
dei miei giorni;
pensando a te,
torno a sentire i palpiti della vita. 
Se solo potessi
in quest’epoca oscura

e in questo aer nefando,
l'alta specie serbar;
che dell'imago
assai m'appago.
e in questa temperie nefanda,
conservare quella divina immagine;
che dell’immagine
mi accontento,

poi che del ver m'è tolto,
non potendo godere di quella vera,

5
Se tu sei
l'una
dell'eterne idee,
cui l'eterno senno
sdegni
esser vestita
di sensibil forma,

Se tu sei
una
delle eterne idee
a cui Dio
non consente
di vestirsi
di forme corporee,

e provar
gli affanni
di funerea vita
fra caduche spoglie;
o s'altra terra
ne' supremi giri

e sperimentare
il dolore
della vita umana
fra corpi mortali;
e se un altro mondo
in altre sfere celesti


fra' mondi innumerabili
t'accoglie,
e stella prossima più vaga del Sol
t'irraggia,
e spiri più benigno etere;
di qua
tra infiniti luoghi
t’accoglie,
e una stella vicina più bella del sole
ti illumina,
e respiri un aria più buona;
da qui

dove gli anni
son infausti e brevi,
ricevi questo inno
d'ignoto amante.
dove la vita
è breve e infelice,
ricevi questo canto
da un amante sconosciuto.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…