Passa ai contenuti principali

La Buona Scuola diventa legge ma...l'Autonomia ce la farà? - di Paola Tonna (APEF)

La Buona Scuola è legge e ne siamo contenti perché si intravede con essa un'inversione di tendenza nel mondo scolastico che certamente avrà ripercussioni positive sui livelli complessivi di apprendimento dei nostri studenti, dal momento che la flessibilità didattica che essa ribadisce ed aiuta, oltre che con l'istituzione dell'organico funzionale, anche attraverso l'individuazione dei docenti più idonei in termini di competenze relative ai POF adottati, sarà la vera scommessa da affrontare e da vincere.
Siamo anche certi che questa libertà di scelta dei docenti, che intravediamo come bilaterale, nel senso che gli insegnanti stessi se interessati, potranno proporsi alle Scuole, non farà che valorizzarne le professionalità. Certo, non aver avuto il coraggio di realizzare una carriera per gli insegnanti, rimane un handicap notevole anche per il bilanciamento e il necessario sostegno che la categoria docente
deve fornire al dirigente. Né la prevista regalia di fine anno potrà minimamente sostituire una carriera basata su quelle funzioni ulteriori necessarie all'autonomia.
Non si può negare che nello scontro politico tutto interno al partito di governo, si sia persa parte di quel carattere propulsivo verso una vera autonomia che pure la Legge vuole realizzare. Permane infatti il vecchio centralismo statalista su molti percorsi; dagli organici alla definizione delle materie opzionali alla valutazione, tutto viene definito dall'occhio vigile di Viale Trastevere. Ma quello che effettivamente odora di naftalina, perché è impregnato di quell'ideologia partecipazionista degli anni'70, è il democraticismo dei comitati di valutazione dei docenti, dove sono tutti responsabili: utenza, genitori e studenti, valutati e valutatori, in una melassa in cui sarà difficile individuare il responsabile.
Perché non si è tenuto presente che Autonomia non vuol dire rispetto delle procedure ma responsabilità verso i risultati? Lo abbiamo detto più volte: senza una riforma degli Organi collegiali e della governance che contenga in sé questo paradigma, nonostante lo sforzo innovatore presente nella legge, la strada dell'Autonomia sarà sempre in salita.
Da ultimo auspichiamo che le spinte corporativiste per il permanere dello status quo, cui abbiamo assistito nell'ultimo mese lascino infine il posto alla riflessione che la Scuola è sì luogo di lavoro, ma è prima di tutto al servizio di un apprendimento efficace degli studenti.
il presidente
prof.ssa Paola Tonna
Roma 10 luglio 2015

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…