Passa ai contenuti principali

Per una società solida - di Laura Alberico

Fluidità e disgregazione definiscono il tessuto sociale in cui viviamo e del quale percepiamo quotidianamente le carenze e i contrasti sempre più stridenti. Dall'immigrazione alla perdita di credibilità nella  politica, navighiamo ormai a vista, senza trovare i punti di riferimento necessari per la sicurezza, l'identità personale che rispecchia e rende significativi i diritti e i doveri, il senso di appartenenza che equivale al riconoscimento sociale delle giuste cause.

Ci meravigliamo che i giovani manifestino
così apertamente il desiderio di allontanarsi dall'Italia e che non hanno più ideali ne' un credo politico verso il quale indirizzare opinioni e idee;  ma tutto questo e' il risultato di anni di lenta e profonda scissura tra le parole e i fatti, tra realtà e impellente necessità di un vero cambiamento che continua ad essere il miraggio di tanti. Quando una società diventa fluida la sua stessa struttura si frammenta, l'individualismo detta le sue leggi che spesso si affermano come violenza gratuita e criminalità. In primo luogo la famiglia,che rappresenta il nucleo sociale primario, risente della crisi che mette in serio pericolo i legami interpersonali. La violenza della quale sentiamo ogni giorno parlare si traduce in intolleranza e negazione, verso se stessi e verso gli altri. Così il " diverso" rappresenta il pericolo che incombe e che vogliamo ignorare o combattere, l'occasione per difendere il proprio territorio, in una lotta che ricorda " homo hominis lupus" e che ci riporta, purtroppo, molto indietro nel tempo. Per una società " solida" diventa necessario ricostituire il tessuto sociale, il terreno in cui le leggi possano diventare il catalizzatore delle risorse individuali e collettive. Tra l'individuo e la società si deve ristabilire una osmosi, un passaggio di insegnamenti e di consegne che possano generare l'equilibrio e la certezza delle funzioni delle parti. " Il futuro non esiste, va creato" afferma Bauman che in questa direzione vede anche il vero coinvolgimento dei sentimenti e delle aspettative personali. " Il dovere della speranza" e' il percorso di crescita che restituisce credibilità e orientamento etico e morale al singolo e alla collettività. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…