Passa ai contenuti principali

L'esempio d’impegno sociale dell’Associazione Simba - di Francesco Lena

Bisogna proprio dire che sono stati molto bravi i referenti dell’Associazione Simba malattia rara di Behcet. In questi primi mesi 2015 hanno saputo organizzare una serie d’iniziative impegnative ma belle, anche se sono in poche persone a gestirle, però determinate appassionate.
L’undici aprile Marco Pulecchi e Nadia Lena, hanno organizzato una cena sociale di solidarietà, all’oratorio parrocchiale di Cenate Sopra, oltre che la bellezza di stare bene insieme per una causa nobile, anche per raccogliere fondi da devolvere all’Associazione Simba, per investire nella ricerca, approfondire e trovare nuovi farmaci efficaci per curare i soggetti colpiti dalla malattia rara di Behcet.
Altra bella iniziativa è stata svolta per sensibilizzare, far conoscere la malattia rara e l’Associazione Simba, Marco Pulecchi assieme all’Associazione scuola MTB di San Paolo d’Argon e con la collaborazione del comune di Cenate Sopra, hanno organizzato per i ragazzi una gara di montain bike il tre Maggio, sempre in paese di Cenate Sopra, la gente che è venuta a vederla , è, rimasta colpita dall’entusiasmo che circolava tra i presenti, una gara bellissima, hanno partecipato veramente in tanti, venuti da diversi paesi della bergamasca, la gara è riuscita molto bene, ed è stata una straordinaria novità per la gente di Cenate Sopra.
Altra iniziativa da apprezzare l’hanno compiuta due amici di Bergamo, amanti della bicicletta, sempre per sensibilizzare verso la malattia rara e per far conoscere l’Associazione Simba, hanno compiuto veramente un'impresa eroica, sono partiti in bicicletta da Bergamo, per arrivare a Roma, indossando con orgoglio la maglietta con il simbolo dell’Associazione di Simba, naturalmente facendo alcune fermate per riposare, ma sopratutto  per far conoscere l’associazione.
Per ultimo sempre Marco e Nadia hanno partecipato all’iniziativa ciclistica organizzata a Bergamo, la gara gran fondo Felice Gimondi, allestendo un gazebo, per distribuire volantini pro Simba e vendendo magliette e oggetti vari, sempre per raccogliere fondi da destinare alla ricerca e far conoscere l’Associazione Simba. In quell’ occasione si è fermato a parlare anche Felice Gimondi, si è dimostrato molto sensibile alla malattia rara e all’associazione, facendo anche una foto con la scritta, io stò con Simba.
Bella disponibilità c’è la data anche il nostro bravo Sindaco di Cenate Sopra , nelle diverse iniziative è stato sempre presente , con grande disponibilità, sempre pronto a darci una mano. Ha registrato nell’elenco delle associazioni in comune, Simba. Sul volantino d’invito di partecipazione alla festa del volontariato fuori dal comune, ha messo anche il simbolo di Simba.
Bisogna proprio dire che sono stati veramente bravi i coordinatori e collaboratori dell’Associazione Simba, dobbiamo dirle con forza un grazie grande come il mondo, un bel grazie anche a tutti i simpatizzanti e partecipanti che al momento della solidarietà sono sempre presenti, con entusiasmo e con il cuore.
Da pochi anni è nata quest’Associazione di Simba , ma con grande impegno e costanza degli organizzatori, sta crescendo molto bene.
Cari cittadini questo è un bel esempio di protagonismo positivo, d’impegno concreto sui valori veri della vita, di umanità e solidarietà.
Francesco Lena
Via Provinciale,37
24060 Cenate Sopra (Bergamo) Tel. 035/95643

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…