Passa ai contenuti principali

Una firma per la libertà di scelta scolastica - di Matteo Cattaneo

In queste settimane, in Parlamento si sta discutendo della possibilità di introdurre agevolazioni fiscali per le famiglie che decidono di far frequentare ai propri figli le scuole paritarie.
Ti invito a firmare la seguente petizione indirizzata a Matteo Renzi e creata dalla signora Monica Barbarossa, mamma di scuola paritaria. La campagna chiede al Presidente del Consiglio di rivedere la sua posizione in merito, dimostrando maggiore sensibilità nei confronti di questa tematica.
Come afferma giustamente Monica, "per essere genitori non basta vestire, dar da mangiare, curare i propri figli. E' anzitutto proponendo loro quelli che sono i nostri valori, i valori in cui crediamo ed invitando loro ad una verifica di quello che proponiamo, l'unico modo con cui li amiamo realmente.".Per far ciò, è necessario poter educare i propri figli come e dove lo si ritiene più opportuno, ma questo è spesso impossibile a causa dei costi proibitivi delle scuole paritarie.
Nell'ambito del Decreto Legge sulla Buona Scuola, il Governo Renzi ha la possibilità di ripristinare un sistema di agevolazioni fiscali a vantaggio delle famiglie che iscrivono i propri figli in una scuola paritaria. Ciò permetterebbe di rendere più accessibile questo tipo di sacrificio economico, che molti genitori compiono in nome del bene dei propri figli.
Per quanto riguarda l'opportunità politica e l'equità di tale provvedimento, ecco come si conclude l'appello di Monica al presidente Renzi:
"Se è vero che l'educazione è un bene pubblico, riteniamo un fatto di giustizia civica e di equità sociale reperire tale copertura chiedendo, mediamente, venticinque euro ai quaranta milioni di contribuenti italiani, piuttosto che mille euro al milione di famiglie che coraggiosamente, oltre a contribuire con le tasse al sostentamento della scuola statale, finanziano, con la retta, la scuola paritaria, procurando non oneri ma un notevole risparmio per le casse dello Stato."
Di questo milione di famiglie, probabilmente molte si trovano nella stessa situazione di quella di Monica: vogliono scegliere liberamente la scuola che ritengono migliore per i propri figli, ma si trovano di fronte, dal punto di vista economico, a richieste non sempre sostenibili.
Agevolare fiscalmente queste famiglie, oltre a rappresentare un risparmio di denari pubblici, significherebbe incoraggiare una scelta libera e consapevole di tutti i genitori in merito all'educazione dei propri figli.
Il dibattito parlamentare si sta svolgendo proprio in questi giorni, ed è fondamentale far sentire ora la nostra voce al presidente Renzi. Firma anche tu!

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…