Passa ai contenuti principali

Pasqua di risurrezione e di rispetto - di Vincenzo Andraous

Forse il mondo ha ereditato il suo inizio
dal rispetto per il pianto di un bimbo,
per il bene che non è mai scontato,
per le parole che chiamano per nome.
Rispetto che non tradisce,
mai scompare,

neppure quand’è oppresso
dalla cecità della rabbia,
dalle rese annunciate
dei padri e delle madri,
dei popoli che disconoscono
i carichi delle disattenzioni,
delle pratiche disamorate,
dei colpi inferti dall’indifferenza.
Rispetto per il legno contorto,
per i chiodi arrugginiti,
per le braccia sospese a mezz’aria,
per quanto rimane della compassione.
Rispetto per chi arranca,
per chi inciampa,
per chi cade, 
per coloro che non sanno reagire,
calpestati e dimenticati.
Rispetto per gli eroi,
non quelli di carta pregiata,
per gli altri,
annientati,
non ci sono più.
Rispetto per gli innocenti
sovente senza giustizia,
i colpevoli in ginocchio
a pagare con dignità.
Rispetto per chi onora il patto di lealtà,
per chi non fugge al vicolo cieco,
per chi cammina al centro della propria strada,
per chi non frequenta mansueto
le fosse scavate a misura.
Rispetto per le donne, i bambini, gli anziani,
per chi non può difendersi,
per chi rimane indietro,
per chi non ce la fa,
per chi non ha più voce e
disturba nella sua presenza,
chi volge lo sguardo da un’altra parte.
Rispetto per le cose, le parole, i numeri,
le persone che non sanno contare,
ma sanno amare senza applauso di ritorno.
Rispetto per chi non è capace di salvarti
ma ti aiuta a ben camminare,
per chi non crede ma non ti maledice,
per chi s’appassiona e
non s’accontenta di sopravvivere.
Rispetto per le emozioni,
disegnate radiose sulle labbra,
le altre circoncise al basso dello sguardo,
emozioni dispiegate al vento,
non stanno prigioniere dell’ormeggio,
scivolano dietro le spalle,
dove sta eretta la colonna vertebrale,
liberano dai ceppi, dai pesi onnipotenti,
dalle mimetizzazioni commiseranti.
Rispetto per i più giovani,
imbizzarriti,
claudicanti,
ragazzi dai passi perduti,
traditi e feriti,
una volta ancora,
per non avere imparato a chiedere aiuto.
Rispetto per le tante assenze
sparse all’intorno,
risorgono, fanno presenza,
nella nostra umanità
derelitta e sconfitta.
Rispetto per la Croce
che non ha mai fatto del  male,
per quell’Uomo che il male l’ha ricevuto.
Rispetto per quella mano sconosciuta
che improvvisamente si tende,
stringe forte la tua,
sradicandoti letteralmente
dal buco nero profondo.
Rispetto, occorre rispetto
in questa Santa Pasqua,
tutto l’ amore di cui siamo capaci

per tentare di essere persone migliori.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…