Passa ai contenuti principali

Matteo@governo.it – per cambiare bisogna conoscere - di Enrico Maranzana

“Dobbiamo cambiare il modello educativo ... questa è la grande scommessa” ha detto Matteo Renzi al termine del Consiglio dei Ministri su La buona scuola. Sorprendente il fatto che la bozza del decreto muova in direzione opposta. La tradizionale, obsoleta e inefficace idea di scuola rimane il suo fondamento: l’origine dello stallo in cui essa ristagna non è stata identificata.
Sono decenni che nell’istituzione scolastica si contrappongono due movimenti di pensiero: da un lato il legislatore che ha sviluppato un’ipotesi per promuovere e rinforzare le qualità dei giovani, vista l’impossibilità di prefigurare lo scenario in cui si collocherà uno studente che accede alla secondaria; dall’altro lato il governo che difende un servizio frazionato in insegnamenti, scoordinato.
Da un lato una visione dinamica, in evoluzione; dall’altro lato le contingenze del presente.

La difformità della mission della scuola da quella universitaria è stata ignorata.
Sono state sterilizzate le importanti trasformazioni di cui la nuova denominazione dell’istituzione è portatrice: “Sistema educativo di istruzione e di formazione” è un concetto che implica finalizzazione, unitarietà, progettazione, coordinamento, feed-back.
 Si è trascurato che le singole parti componenti una struttura organizzata trovano il loro senso nell’interazione con l’intero apparato, non possedendo significato autonomo.
Sono stati elusi i dettami delle scienze dell’amministrazione. Il “Principio di distinzione” tra organi d’indirizzo politico e di gestione è stato calpestato: “I dirigenti scolastici sono leader educativi” è scritto nelle diapositive di presentazione!

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.