Passa ai contenuti principali

Senza figli non c'è crescita - di Matteo Cattaneo

ti invito a partecipare alla seguente petizione (http://www.citizengo.org/it/14564-senza-figli-non-ce-crescita-diamo-uno-stipendio-alle-mamme), creata su CitizenGO dall'Associazione Comunità Giovanni XXIII.
Si tratta di una proposta concreta, indirizzata al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, di sostegno economico alla maternità.
Il problema della denatalità, grave in tutta Europa ma soprattutto in Italia, rappresenta un ostacolo alla crescita e al benessere economico e sociale del nostro Paese: in quest'ottica gli 80 euro al mese predisposti dal governo rischiano di non essere altro che un'elemosina alle famiglie.
Solo riconoscendo alla famiglia, e alla mamma in particolare, il valore anche economico del mettere al mondo e accudire i figli nella fase più delicata della loro vita, si potrà ridare fiducia alle famiglie e far ripartire le nascite. Uno stipendio in più in famiglia, gestito dalle mamme, sarà utilizzato per le cose necessarie e farà ripartire anche un'economia sana perché legata ai bisogni essenziali della famiglia.
La proposta degli amici dell'Associazione Comunità Giovanni XXIII è molto semplice, ma allo sesso tempo rivoluzionaria: un assegno mensile di 800€ per i primi 3 anni di vita del bambino, al fine di dare un sostegno efficace alle famiglie, e di garantire ad ogni mamma il diritto di crescere il proprio bambino.
Le risorse economiche per tale progetto (stimate in circa 14 miliardi di euro) potrebbero essere ricavate da erogazioni INPS, rimodulazione del bonus di 80 euro, tagli dei costi della politica e tassazione delle transazioni finanziarie (una spiegazione più analitica delle voci è presente alla pagina della petizione).
Mi pare un'iniziativa del tutto lodevole e lungimirante, e voglio invitarti a partecipare con la tua firma. Per firmare, clicca sul link seguente:
Dopo aver firmato, non dimenticare di condividere questa petizione con i tuoi contatti, tramite email o social network.
Le firme saranno consegnate dagli organizzatori della petizione presso la Presidenza del Consiglio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…