Passa ai contenuti principali

L’assetato, l’affamato, Enrico Toti, San Martino e l’esodato - di Giuseppe Castronovo

Ludovico: cari amici…che ne dite della decisione della Corte Costituzionale?
Vanni: a quale decisione ti riferisci?
Ludovico: alla decisione con la quale la Corte ha respinto la richiesta di referendum per abrogare la “legge Fornero/Monti”. Una legge, ricordiamolo,  che ha creato in una notte la “figura degli esodati”; gente cioè senza stipendio e senza pensione.
Alessio: non possiamo non sottolineare che si tratta di persone che, in molti casi, avevano già maturato 37-38 anni di versamenti contributivi!.
Rodolfo: da non dimenticare, amici miei, che gli accordi sino a quel momento sottoscritti erano del tutto regolari; anche perché firmati alla presenza dell’Ispettorato del lavoro e delle rappresentanze sindacali e che la legge Fornero/Monti ha operato, quindi, con valore retroattivo disapplicando anche il principio della “certezza del diritto” e il criterio dell’affidamento.
Ennio: una legge emanata quando oramai mancavano pochi giorni per la concreta applicazione di questi accordi: non dimentichiamo che gli esodati sarebbero andati in pensione a gennaio 2012!
Giacomo: conosco non pochi esodati che hanno sottoscritto la richiesta di referendum nella speranza che la cancellazione di questa deprecabile norma li potesse liberare da quest’incubo che stanno vivendo dal novembre 2011.
Remo: mi confidava un esodato che tutti i suoi amici con l’introduzione di questa legge si considerano come  “privati di un pezzo della loro vita”  e che avevano sottoscritto la richiesta di referendum considerandolo “l’ultima speranza cui aggrapparsi”
Giacomo: prof….a lei la parola.
Vezio: la decisione della Consulta sulla richiesta referendaria per abrogare la legge Fornero/Monti? E’ una decisone che riapre  ferite non ancora del tutto rimarginate. È un passato recente che, sebbene opportunamente rivisto e aggiornato, ritorna in tutta la sua drammatica attualità.
Alessio: ci spieghi meglio.
Vezio: la Consulta, impedendo lo svolgimento del referendum abrogativo, è come se avesse negato:
l’acqua all’assetato;
il pane all’affamato.
Potremmo anche dire che la Consulta con la sua decisione, togliendo – come ci riferisce l’amico Remo -  l’ultima speranza agli esodati,  è come se avesse rubato:
la stampella a Enrico Toti;
la metà del mantello rimasto addosso a San Martino.
 (dai dialoghi svolti al Circolo della Concordia)

Giuseppe Castronovo

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…