Passa ai contenuti principali

“A scuola ci si annoia, si dimentica che è piacere, gioia” Luigi Berlinguer - di Enrico Maranzana

L'ex ministro dell'istruzione Luigi Berlinguer, intervenendo al convegno sulla buona scuola, ha ricevuto un unanime plauso: ha caldeggiato il potenziamento della vena artistica del rinnovamento dell’istituzione scolastica.
La questione che ha aperto è: come rendere operativa l'esortazione?
Se si riflette sulla legge 53/2003, si percepisce la natura del problema: il sistema educativo è finalizzato al " raggiungimento di elevati livelli culturali e allo sviluppo di capacità e di competenze" e al "conseguimento di una formazione spirituale e morale". Una norma che affida alle scuole il compito d’identificare gli obiettivi che danno sostanza all'orientamento e che implica la collocazione della verità, della bellezza e della bontà tra le qualità che gli studenti devono sviluppare e potenziare.  

L’analisi del campo in cui nasce il problema consente di diagnosticare il male che affligge la scuola: i Piani dell’Offerta Formativa, elaborati dalle scuole, non contengono alcuna traccia della volontà del legislatore. Il mandato loro affidato è eluso: la conoscenza rimane il cardine del servizio e le discipline non sono “strumento e occasione” per le prescritte e non praticate progettazione educativa, progettazione formativa, progettazione dell'istruzione.

Commenti

  1. Intervistate Luca Attias sulla scuola digitale
    https://www.youtube.com/watch?v=xWuRbvgyr3s

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.