Passa ai contenuti principali

"L’ora di lezione" di Massimo Recalcati - di Laura Alberico

Il libro di M. Recalcati  apre una finestra sull’importanza della  trasmissione della cultura intesa come condivisione e bellezza intrinseca  della conoscenza. Interesse e motivazione sono i principi sui quali si fonda l’insegnamento, oggi più che mai influenzato e condizionato da un mondo  in cui il potere della parola è stato sostituito dall’automatismo di cui gli strumenti multimediali si servono generando quella che Recalcati definisce “anoressia culturale”.
Dalla introduzione al libro la spinta ad interrogarsi sulla funzione scolastica e sui possibili e auspicabili orientamenti in un mondo che cambia troppo in fretta: “ Non respira, non conta più nulla, arranca, è povera, marginalizzata, i suoi edifici crollano, i suoi insegnamenti sono umiliati, frustrati, scherniti, i suoi alunni non studiano, sono distratti o violenti, difesi dalle loro famiglie, capricciosi e scurrili, la sua nobile tradizione è decaduta senza scampo. E’ questo il ritratto smarrito della nostra Scuola”. E allora un passo indietro per riflettere sul cambiamento dei ruoli, delle istituzioni, delle relazioni. “ Abbiamo conosciuto un tempo dove bastava che un insegnante entrasse in classe per far calare il silenzio. Era lo stesso tempo dove era sufficiente che un padre alzasse il tono della voce per incutere nei suoi figli un rispetto misto a timore. La parola dell’insegnante come quella del “ pater familias” appariva una parola dotata di peso simbolico e di autorità a prescindere dai contenuti che sapeva trasmettere. Era la potenza della tradizione che la garantiva”. Questo tempo è finito ma non bisogna rimpiangerlo. L’insegnante ha il compito di recuperare il significato e il senso della parola come valore simbolico di trasmissione, l’orientamento del pensiero libero che risveglia  interesse e amore per la vita, la capacità di “ rendere disponibile la cultura come nuovo mondo” contro “ la cultura senza mondo” che genera autodistruzione e morte. E allora anche un’ora di lezione può servire a scuotere  le menti un po’ addormentate, stimolando interesse e partecipazione, le domande che servono per interrogarsi e interrogare. “ Un bravo insegnante non è forse quello che sa far esistere nuovi mondi? Non è quello che crede ancora che un’ora di lezione possa cambiare la vita?”.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…