Passa ai contenuti principali

Discriminazione: il Comune di Milano esclude le paritarie dalle iniziative per il riciclo della carta e del cartone - di Matteo Cattaneo

Durante il mese di novembre, le nove zone della città sono invitate dal Comune a sfidarsi nelle "Cartoniadi", una sorta di gara di riciclo di carta e cartone. In palio 50 mila euro da destinare all'acquisto di beni e servizi per le scuole pubbliche della città.
Nonostante i più di 16.000 alunni delle scuole non statali della città di Milano e nonostante l'iniziativa del comune si rivolga anche ai loro genitori, le altre scuole paritarie di Milano non potranno beneficiare dello stesso trattamento e non potranno usufruire di nulla.
L'iniziativa del Comune, in buona sostanza, esclude di proposito le scuole non statali dalla possibilità di trarre beneficio da una sua iniziativa. Occorre forse ricordare, prima di tutto al sindaco Pisapia, che le scuole paritarie offrono un servizio pubblico al pari di quelle statali, e che quindi non c'è ragione di discriminare gli studenti che le frequentano e i loro genitori
Ogni volta che un utente firmerà questa petizione, il nostro sistema invierà una e-mail al sindaco Giuliano Pisapia, agli assessori all'ambiente (Maran) e all'educazione (Cappelli), al Presidente del Consiglio Matteo Renzi e a i Ministri all'Istruzione (Giannini) e all'Ambiente (Galletti). La petizione chiede:
  1. al Comune di Milano di modificare il regolamento dell'iniziativa 
  2. al Governo di dare una sollecita risposta all'interrogazione parlamentare in merito.
Ti invito a partecipare all'iniziativa di Monica con la tua firma, cliccando sul link seguente:
e successivamente a diffondere il più possibile questa petizione tra i tuoi contatti, amici e conoscenti.
Matteo Cattaneo e tutto il team di CitizenGO

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.