Passa ai contenuti principali

Proprietari di casa ovvero pecore da scorticare - di Giuseppe Castronovo

Cecè: prima l’I. M. U., poi la T. A. R. I. e poi ancora la T. A. S. I.  Quale sarà la prossima diavoleria?
Filippo: non passa mese senza essere costretti a far la fila ad uno sportello bancario o postale per pagare tasse su tasse.
Ludovico: ma le sorprese, in materia di tasse, non finiscono mai!
Marco: Ludovico…. Spiega meglio il tuo pensiero.
Ludovico: caro Marco te lo spiego subito. Mi è arrivato così come sarà arrivato a tutti voi – l’avviso per il pagamento della Tassa Rifiuti ( la famosa T. A. R. I.)  e sapete che cosa ho scoperto?
Marco: è arrivato anche a me e ho già pagato. Cosa c’è da scoprire?
Ludovico: cari amici… avrete sicuramente notato che una significativa componente dell’importo da pagare è  denominata “Tributo provinciale”.
Giacomo: l’ho notato anch’io e mi son chiesto: “ma ste Province sono state abolite o dell’abolizione è stato dato solo l’annuncio?
Alessio: amici miei… la verità è che le tasse sulla casa, nonostante gli annunci e le false promesse di riduzione, continuano ad aumentare sempre più.
Giacomo: gli ultimi  Governi  non hanno  ancora capito che dovrebbero favorire la proprietà della casa di abitazione senza gravarla di imposte eccessivamente elevate  perché:
-la casa dove si abita stabilmente è fattore di coesione sociale;
-la tassazione sulla casa ai  livelli raggiunti con il Governo Monti e seguenti scardina la famiglia e quidi la coesione sociale. Prof. Vezio a Lei la parola, ci esponga il suo pensiero.
Vezio: mi sia permesso raccontarvi di un dialogo tra l’Imperatore Tiberio e i suoi Consiglieri che gli sottoponevano alla firma un decreto per l’aumento di alcune imposte,
Consiglieri: questa è la nostra proposta.
Tiberio: sono elevate?
Consiglieri: SI!  Ma…
Tiberio: SI oppure NO? Voi sapete quanto apprezzi la chiarezza insita in questa affermazione e negazione. E poiché la legge del SI e del NO non è stata ancora cambiata, ripeto la domanda: “Sono elevate”?
Consiglieri: SI…PERO’
Tiberio: poiché avete ammesso che sono elevate abbassatele.
Consiglieri: di quanto?
Tiberio: dovete applicare quanto già sapete.
Consiglieri: cioè?
Tiberio: mi avete sempre sentito dire che “boni pastoris esse, tondere pecus, non deglubere”. “Il buon pastore deve tosare le  pecore, non scorticarle”.  Attenetevi a questo principio e io firmerò.
Alessio: quanta saggezza!
Giacomo: ma la saggezza, prof. Vezio, era un patrimonio solamente degli Imperatori o possono essere altrettanto saggi anche i Governanti italiani e i Sindaci dei nostri Comuni?
(dai dibattiti svolti al Circolo della Concordia)
Giuseppe Castronovo

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…