Passa ai contenuti principali

Che tempo che fa - di Laura Alberico

Titolo della fortunata trasmissione di RAI 3 che accoglie nel suo spazio letteratura e musica, politica, economia e cultura. Una carrellata di protagonisti ed opinionisti del mondo di oggi, le idee che stimolano alla riflessione sulle problematiche, i contrasti sempre più stridenti del vivere quotidiano.
Il tempo meteorologico è cambiato e, sulla scia di trasformazioni più o meno comprensibili dell’organizzazione della società, si mostra nei suoi aspetti più violenti e dannosi coinvolgendo l’uomo e le sue attività, le sue poche certezze sul presente e sul futuro. Politica e sociale mai come in questo periodo stretti in un legame di credibilità e sussistenza, di parole legate al filo di speranze che vogliono ancora avere voce. Ma il tempo è cambiato, c’è uno scollamento ormai incolmabile tra la realtà e quella del vero rinnovamento, così come testimoniano le conseguenze di una variabilità che non preannuncia niente di buono e che mostra le carenze di mancate risorse, necessarie per indirizzare e orientare l’evoluzione della società nel senso migliore e più giusto, per ognuno e per tutti. Abbiamo perso ormai il senso della misura, abituati e in qualche modo immunizzati alle malattie del secolo che accanto al progresso tecnologico mostra le sue fragilità, radici scoperte sollevate da eventi improvvisi che mietono disperazione e distruzione.  Mai come in questo periodo abbiamo paura di sentirci impreparati ad affrontare il domani, consapevoli che, in gran parte, siamo noi responsabili di quello che ci sta accadendo, direttamente o indirettamente coinvolti in un processo di trasformazione poco controllata. Forse alzare ogni tanto gli occhi al cielo aiuta ancora a sperare e a credere che questo tempo possa invertire la sua rotta, che si lasci interrogare e plasmare per ristabilire l’equilibrio dimenticato che Kant così definiva: “ Il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me”.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…