Passa ai contenuti principali

Riassunto libro “Colpa delle Stelle” Di John Green - di Valentina Stoppani

Riassunto libro “Colpa delle Stelle” Di John Green
Il romanzo e’ narrato in prima persona: dalla protagonista Hazel Greace. La quale racconta la sua storia.
Hazel ha 16 anni. A 13 le diagnosticarono un cancro ai polmoni. Dalla scoperta del cancro Hazel dovette arrendersi a trascinare con se, durante I sui ultimo anni di vita, una bombola contenente ossigeno che andava cambiata ogni 6 ore. L’ ossigeno veniva inalato da Hazel attraverso due tubicini che lei portava sempre infilati nelle narici. Se li toglieva non riusciva a respirare correttamente.
Hazel frequentava un gruppo di support che a parer suo era completamente inutile, serviva solo a farla deprimere e preoccupare di piu’ dato che ad ogni incontro nel “cuore letterale di Dio” si riceveva sempre la notizia che un membro del gruppo aveva finito di combattere la sua battaglia, e che, come sarebbe spettatato a quasi tutti i presenti dell’ incontro successivo, aveva perso questa battaglia che ormai era divenuta una sorta di Guerra per Hazel.
Quando a 13 anni le diagnosticarono il cancro giusero alla conclusion che c’era una sola possibilita’ di riuscire a tenerla in vita per piu’ tempo possible. Questa “salvezza” era una medicina che doveva essere somministrata ogni giorno. Non aveva funzionato quasi in nessun caso, ma un miracolo accade quando grazie a quella medicina Hazel fu rilasciata dall’ ospedale sapendo di poter continuare la sua vita per quanto era possible.
La vera storia comincio’ durante un’incontro nel cuore letterale di Dio.
Quell pomeriggio si era unito al gruppo Augustus Waters, amico di Isaac.
Isaac era un amico di Hazel all’interno del gruppo. Lui aveva avuto un cancro all’occhio dentro. Da quell momento Isaac aveva avuto un occhio solo che pero’ a breve avrebbe perso diventando cieco. Il cancro si era riformato.
Subito dopo il lungo discorso di Patrick: l’assistente sociale, Augustus si presento’.
<ho paura dell’oblio> disse.
<l’oblio e’ inevitabile> rispose Hazel.
Dopo l’incontro I due si conobbero e lei fu invitata a casa di Augustus per cena.
Quella sera divennero amici. Lui si fidava di lei e lei si fidava di lui.
Augustus aveva avuto un cancro alla gamba e cosi’ I medici dovettero amputargliela l’anno prima e mettergli una protesi.
Hazel non aveva mai avuto amici che la capissero dalla scoperta del tumore fino a quell momento. L’ unico che considerava il suo “migliore amico” era uno scrittore, Peter Van Housten, il quele aveva scritto “un’imperiale afflizione” il libro preferito di Hazel.
Questo scrittore ha un ruolo importante durante il racconto. Il sogno della ragazza era riuscire finalmente a conoscerlo in qualche modo, ma dopo la pubblicazione del suo unico romanzo sapri’ dalla faccua della terra e si diceva che si fosse trasvferito ad Amsterdam, in Olanda.
L’ amicizia tra Hazel e Augustus era sempre piu’ forte.
Una sera lui la chiamo’ dicendole che era riuscito a parlare con lo scrittore, cioe’ che il sogno della ragazza si stave per avverare, perche’ via e-mail I tre ebbero modo di parlare.
Durante l’ultima mail inviata dall’autore del libro “un’imperiale afflizzione” lui invitava entrambi a casa sua ad Amsterdam se mai si fossero trovati da quelle parti un giorno.
Il sogno di Hazel si avvero’ quando Augustus decise di regalarle il suo desiderio.
Ogni bambino malato di cancro aveva diritto ad esprimere un desiderio, e quell desiderio sarebbe stato avverato dai “genii” .non aveva importanza quanto costasse, loro ce la facevano sempre.
Fu cosi che Hazel, Gus e la madre di Hazel si ritrovarono ad Amsterdam dove avrebberofinalmente incontrato il famoso scrittore.
L’incotro si rivero’ una perdita di tempo. Van Housten non volle rispondere a nemmeno una delle domande che la ragazza aveva da fare e di cui desiderava conoscere le risposte prima di morire.
I due ragazzi decisero comunque di godersi quel meraviglios fine settimana in Olanda.
Nel corso della storia entrambi I protagnosti avevano capito di provare qualcosa verso l’altro. Fu durante la visita alla casa di Anne Franck che si baciarono e cominciarono ad avere una relazione che di “normale” non aveva proprio niente.
Quando fecero ritorno ad Indiana, dove vivevano, Hazel venne a conoscenza del fatto che Augustus l’avrebbe lasciata a breve.
Prima del viaggio in Olanda era andato a fare dei controlli perche’ provava un fortissimo dulore praticamente in ogni punto del corpo, e gli diagnosticarono un cancro che in poco tempo lo avrebbe ucciso.
Isaac perse la vista, ma I tre continuavano a stare sempre insieme e a godersi gli ultimo giorni prima della fine di tutto.
Nei giorni seguenti Gus peggioro’ molto: dimagri’, dormiva molto, non riusciva a camminare e a parlare.
Capendo che ormai mancava poco una sera decise di convocare Hazel ed Isaac nel “cuore letterale di Dio”. Fu’ li’ che celebro’ il suo pre-funerale. Avrebbe sempre voluto assistere al suo funerale, manon sapeva cosa sarebbe successo dopo la morte, quindi voleva sapere per cosa lo avrebbero ricordato il suo migliore amico e la sua ragazza.
Otto giorni dopo mori’.
Dopo un mese della sua assenza Isaac disse ad Hazel che nell’ultimo periodo Augustus stave scrivendo quacosa per te.  Non sapeva cosa, ma lei avrebbe dovuto leggerlo.
Hazel comincio’ a carcare in ogni posto, ma non trovo’ nulla, finche’ non capi’ chi poteva averlo. Van Housten.
Con l’aiuto della segretaria dell’uomo, Hazel, riusci’ a trovare cio’ che cercava.
Erano degli appunti. Appunti parlavano di Hazel e che Gus aveva mandato allo scrittore in modo che ne facesse un’elogio funebre da leggere al funerale di Hazel dato che ilragazzo non avrebbe potuto lesserci.

Il libro di conclude cosi.

A me personalmente e’ piaciuto molto questo libro. 350 pagine lette in due giorni. Non credo che un libro mi abbia mai coinvolta tanto.

Valentina Stoppani

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…