Passa ai contenuti principali

“Il giardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani - di Daniele Sammartino

Il nostro struggente racconto si colloca nel tempo tra il 1929 e il 1938, pertanto in un periodo antecedente la Seconda guerra mondiale;  sono comunque anni  gravidi di ingiustizie e di soprusi: il fascismo si è ormai affermato (Mussolini riceve l’incarico di formare il nuovo governo da Vittorio Emanuele 3° nel 1922), e le leggi raziali, varate in Italia tra il 1938 e il 1945 per suggellare il patto con  l’insania Hitleriana, condannano il popolo ebraico e non solo, inizialmente a un insensato isolamento estraniante e poi al gelo e all’inumanità dei lager.
B., ragazzo avvenente, colto, timido e trasognante (io narrante identificabile con Giorgio Bassani) s’innamora di Micol, giovane rampolla del nucleo famigliare alto-borghese dei Finzi-Contini. Tale famiglia, per la quale il protagonista nutre grande stima, abita una maestosa e signorile reggia, la “magna domus”, incastonata in un immenso e lussureggiante giardino, costellato di ogni genere di piante e di alberi da frutto. Questo luogo idilliaco, bucolico, immerso nel verde e attraversato da un canale detto Panfilio,  è protetto e preservato da una cinta muraria avvolgente e dal fare materno, che sembra nascondere ai suoi figli, mediante l’altezza, l’iniquità di un mondo transitoriamente  distopico e irrazionale. Il “locus amenus” in questione, edulcora con la sua beltà e naturale tenerezza la breve vita di una famiglia, irrimediabilmente destabilizzata dagli eventi, lacerata dalla stupidità umana e condotta al cospetto di una folle morte.

L’autore riesce magistralmente a celare le paure e l’angoscia dovute al panorama politico nazionale e internazionale, sempre più orientato verso una guerra inevitabile, plasmando un microcosmo etereo e cristallino, che consente di non percepire la brutalità e la crudeltà dell’uomo. I signori Finzi-Contini, il professor Ermanno  e la moglie Olga, tentano strenuamente di garantire un’esistenza normale e il più possibile serena e spensierata ai due figli Micol e Alberto; infatti, dopo l’espulsione di quest’ultimi dal circolo tennistico di Ferrara e data la loro passione per lo sport, decidono di invitarne gli amici  e di ospitare gli incontri nei propri terreni, in un piccolo campo da gioco di fronte alla magna domus. Provano così a ricreare le condizioni favorevoli a un equilibrio vitale degno: la loro dimora diviene luogo di colloqui e di dispute culturali e politiche, sito di incantevoli passeggiate e di armoniosi momenti d’amore. Il legame affettivo tra B. e Micol sopraffà l’odio e l’ignoranza fascista, spiccando imperiosamente in una realtà nella quale le diatribe politico-sociali passano in secondo piano, per lasciar spazio a effusioni amorose intense, ma destinate a terminar amaramente con l’incrinarsi del rapporto tra i due. B. ricerca spasmodicamente Micol, ma quest’ultima, trattenuta da un’estrema verecondia, non cede mai completamente alle tentazioni  dell’eros. I due si abbandonano semplicemente a baci che non durano un attimo ma un’eternità. I secondi diventano ore e i minuti giorni: tutto rallenta, cristallizzandosi a poco a poco. Lei rimane bellissima, pura, irraggiungibile col cuore, ma così vicina da poter essere vagheggiata in tutta la sua femminilità con gli occhi. Il desiderio ardente, incrementato dall’atmosfera poetizzata  e dalle rimembranze giovanili, trasfigura fallacemente l’amata, spingendo il protagonista a violarne impulsivamente la sensibilità. Tutte quelle ore, quei momenti inenarrabili, poiché talmente meravigliosi da essere fuggevoli . 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…