Passa ai contenuti principali

Niente di vero tranne gli occhi - di Laura Alberico

“ Non sono uno sciocco da pensare che tutto potrà essere come prima, né di cercare di farlo credere a te. Ma se mi concedi una considerazione per niente originale affidati al tempo e alle persone che ti vogliono bene. Non serve a cambiare le cose ma aiuta a sopportarle. Se ti servo sai che io sono qui”.
Ricordare è una testimonianza ma le tracce di un romanzo sono strade fantastiche, itinerari irreali costruiti con l’arte dell’invenzione, percorsi bui che i personaggi di una storia conquistano a poco a poco dopo essere stati generati e amati. C’è un confine invisibile tra la vita e la morte, tra il riso e il pianto, la gioia e il dolore e tra questi sentimenti la capacità di raccontare sgorga come acqua di sorgente, pura nella sua intrinseca verità, simbolo sacro del racconto della vita. Realtà e fantasia, materia e spirito si confondono negli uomini che il tempo ha reso fragili e onnipotenti, piegati spesso al destino della loro condizione ma sempre desiderosi di ricominciare un’altra storia, di scriverla e raccontarla  per cercare il senso della vita e del suo contrario. E il tempo è sempre lì a separare il passato e il presente, la clessidra che raccoglie in uno stretto passaggio la sabbia dei ricordi, le immagini che sbiadiscono e si allontanano. “ Forse possiamo cambiarla ma è l’unica che c’è questa vita di stracci e sorrisi e di mezze parole. Forse cent’anni o duecento è un attimo che va.  Fosse di un attimo appena sarebbe con me tutti vestiti di vento ad inseguirci nel sole.  Tutti aggrappati ad un filo e non sappiamo dove”( Signor tenente). Raccontare la morte non è viverla, ma questa è  una storia diversa in cui forse  non c’è niente di vero, tranne gli occhi, di un azzurro intenso e puro, il sorriso della vita che non cambia il suo colore.
Laura Alberico

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…