Passa ai contenuti principali

"Colpa delle stelle" di John Green - di Giulia Bovini

Questo non è' il solito libro che parla di cancro, questo libro racconta le emozioni e le avventure provate da una ragazza che potrebbe morire da un giorno all'altro.
Hazel Grace ha solo 16 anni e ne ha già passate tante, non è felice e sua madre crede sia depressa.
Convinta dai genitori, frequenta un gruppo di supporto per persone sopravvissute al cancro e lo fa insieme al suo amico Isaac (anche lui  ha avuto la malattia). Durante questi incontri conosce Augustus che a causa del tumore ha perso una gamba e porta una protesi. Fin da subito i due si notano e pian piano si innamorano. Durante un periodo poco felice per Hazel, Augustus riesce a portarla ad Amsterdam a conoscere il suo scrittore preferito, l'incontro non è dei migliori perché lo scrittore e' un ubriacone ma la gita ad Amterdam e' bellissima. Augustus purtroppo si ammala ancora e perde le sue forze, Hazel e' disperata perché pensa di non poter vivere senza Augustus ma lui la rincuora e le fa capire che lei ce la farà anche senza di lui.
Augustus muore e Hazel riesce a farsi forza ricordando le sue parole e continua la sua vita .
Il libro mi è' piaciuto tanto, mi piace la delicatezza con cui lo scrittore ha trattato un argomento come questo e quindi ho letto anche un altro libro scritto da lui.
Giulia Magali Bovini

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…