Passa ai contenuti principali

Cose urgenti da fare - di Francesco Lena

1. creare posti di lavoro, creare occupazione.
2. Riforme istituzionali.
3. Fermare le guerre, i conflitti e promuovere la pace.
4. Immigrazione di persone che sfuggono da conflitti e dalla fame.
5. Mafie e legalità nel paese.

Per creare nuovi posti di lavoro, bisogna, chiamare a raccolta tutte le forze e competenze, per impegnarsi tutti insieme con responsabilità per rilanciare l'economia e creare nuovi posti di lavoro, trovare le soluzioni migliori, governo, industriali, sindacati, istituzioni, banche, autonomi, cittadini.
Alcune cose si possono fare subito, stendere i contratti di solidarietà, nelle aziende in crisi, lo stato paghi velocemente i debiti alle imprese, i soldi che l'Europa stanzia per l'Italia, fare progetti fattibili e investirli subito, far ripartire con tempestività la ristrutturazione degli edifici pubblici, le scuole far partire i lavori per metterle tutte in sicurezza, fermare la delocalizzazione delle aziende italiane, la fuga di capitali all'estero, meno burocrazia, più semplificazione e tante altre cose che si possono fare subito. Ricordarsi sempre che una persona senza lavoro, perde la sua dignità.
Riforma delle istituzioni e della pubblica amministrazione, le riforme fanno fatte per rendere il paese più funzionale, più moderno, dove ci siano meno sprechi, dal parlamento al senato, alle regioni, provincie, comuni, il Senato non sia più un doppione, le regioni devono essere più attente agli sprechi, per migliorare i servizi alle persone. ai cittadini, le province devono essere abolite definitivamente, i comuni piccoli siano raggruppati, per rendersi più efficienti e più vicini ai bisogni dei cittadini, della gente ed essere al loro servizio e per rispondere meglio ai loro problemi con servizi sempre migliori. la pubblica Amministrazione renderla più efficiente.
Il parlamento, il governo, prendere serie posizioni, per fare tutto il possibile, per la pace, contribuire a fermare i conflitti in medio oriente, in Siria, In Ucraina e in tanti altri paesi nel mondo, è urgente che l 'Europa faccia sentire la propria voce, ONU, convochi subito le parti in conflitto per convincerli a far cessare le armi, la violenza. Poi bisogna che tutti i cittadini, si prendano cura della pace, della cultura della ragione, del dialogo, portarla avanti nelle istituzioni, nei movimenti, nelle associazioni, in ogni luogo. Per fermare l'uccisione di persone. Donne, bambini, bisogna raccontare, informare, dire, con tutti i mezzi di informazione, che con l violenza non si risolvono i problemi. Le armi, la violenza uccide e genera altra violenza, basta armi, basta violenza, i problemi si risolvono con l'intelligenza, con il dialogo, con il bene e con la pace.
Immigrazione, l'Italia sta lavorando bene per salvare vite umane, è urgente però che sia l'Europa a prendersi carico, per gestire meglio la situazione. Gestire le partenze degli immigrati collaborando con i paesi di origine e nelle zone di partenza. Aiutarli a risolvere i problemi nei loro paesi, conflitti, povertà. Investire con progetti di sviluppo economico civile e sociale.
Legalità nel paese, bisogna combattere seriamente le mafie, la corruzione, l'evasione fiscale, il lavoro sommerso, la malavita organizzata, con controlli a tappeto delle forze dell'ordine. Poi portare avanti una cultura del rispetto delle regole, una cultura dell'onestà e di voler più bene alla nostra bella Italia e agli italiani, anche per favorire che gli stranieri vengano sempre più numerosi in vacanza e a visitare i nostri beni culturali, ma anche ad investire.
Il governo Renzi sta lavorando molto bene in tutte le direzioni, però bisogna che tutti facciano la propria parte, per fare di più e meglio, per rendere la nostra Italia ancora più bella.
Ma in particolare bisogna fare il massimo per dare un posto di lavoro a chi non c'è là, per salvaguardare la dignità di tutte le persone.

Francesco Lena Via Provinciale,37 24060 Cenate Sopra (BG) tel.035/956434

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…