Passa ai contenuti principali

Bambini invisibili - di Laura Alberico

“ Il senso morale di una società si misura su ciò che fa per i suoi  bambini” – D. Bonhoeffer
Negli ultimi 40 anni in Italia sono svaniti nel nulla 12 mila bambini e nel  2013 si sono registrate quasi 700 scomparse. Per alcuni di loro la cronaca riserva notizie particolareggiate e l’attenzione dei media rimane sempre molto alta, di tanti altri invece non conosciamo nemmeno il nome e la loro storia.
Sono i cosiddetti bambini invisibili, esistenze brevi, piccole meteore di un universo parallelo disperso nei meandri del tempo passato, quel tempo che per i genitori si è per sempre fermato al giorno della scomparsa. Molto spesso, probabilmente,  questi bambini sono  stati vittime di violenze da parte di adulti, quegli adulti che dovrebbero rappresentare una guida sicura, la protezione dai pericoli piccoli e grandi della vita. Le violenze sui minori sono coperte molte volte dal silenzio, il colpevole senso di omertà che tende a coprire colpe ed omissioni filtrate dalle  notizie spesso frammentarie che vengono raccolte durante le indagini eseguite dopo l’accaduto. I bambini invisibili non hanno avuto voce per chiedere l’aiuto necessario, traditi dall’innocenza e dalla spontaneità sono stati adescati e abusati, oggetto di perversione e di desideri sessuali,  patologie che emergono molte volte in contesti apparentemente sicuri e protetti. Quando le notizie balzano alla cronaca queste piccole vite attirano l’attenzione di tutti, sembrano stelle che si illuminano di speranza, piccoli fari nella notte della disperazione e del dolore, grida ben presto soffocate dal tempo e dalla dimenticanza. I bambini invisibili sono anche vittime innocenti di guerre  che continuano a imperversare in territori che da tanti anni sono diventati il teatro di distruzione e di morte in nome di ideologie e politiche di potere. Per questi bambini, sottratti alla vita in modo assurdo e crudele,  traditi nella loro naturale innocenza, la Storia non racconterà mai la loro vera storia fatta di un corollario di  piccole cose e ricordi  rimasti a  testimoniare le tracce  del loro passaggio. C’è un limbo che la società cosiddetta civile ha relegato in un territorio anonimo e incolto, una zona dove la vita e la morte descrivono confini invisibili che alzano i muri di una guerra senza nome.



Laura Alberico  

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…