Passa ai contenuti principali

Il bilancio di fine anno - di Laura Alberico

Gli addetti all'educazione non si intendono di attivo e passivo, i numeri servono solo a quantificare e a circoscrivere eventi e fenomeni senza indicare cause ed effetti di un processo che, in ambito didattico, rappresenta l'unico e più importante strumento di analisi e di interpretazione.
In questo contesto, a maggior ragione, si parla di valutazione e non di misurazione. L'abolizione dei giudizi, con il ritorno ai voti numerici, ha permesso all'utenza scolastica ( alunni, genitori) una migliore comprensione del livello cognitivo raggiunto senza tuttavia spiegare, come e perché il voto lo rappresenti. Per questo motivo, forse, diversi docenti si vedono intrappolati in asettiche medie aritmetiche che non riescono a rappresentare l'arco di un processo educativo molto più complesso e dinamico,  che procede  per tentativi, errori e  risultati spesso poco incoraggianti e deludenti. E proprio da questi nasce il desiderio di rimettersi in gioco, la spinta a percorrere strade diverse per arrivare al cuore del problema, quando la motivazione, l'interesse degli alunni  appare come un terreno arido e incolto. Il bilancio di fine anno non deve diventare un atto di forza o di propaganda, di rinunce e sottomissione che dichiara vincitori e vinti. L'impegno educativo richiede tempo, coraggio e una buona dose di ottimismo, necessario in un clima generale che inquina pensieri, idee, progetti per il futuro. Il bilancio di fine anno e' una riflessione silenziosa, una correzione, una verifica e, almeno in questo caso,  senza voti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…