Passa ai contenuti principali

La schiavitù della droga - di Laura Alberico

Ci sono catene invisibili che frantumano affetti e legami, giovani fragili che perdono in un solo momento i riferimenti sicuri di una vita normale in cui è possibile riconoscersi ed accogliere gioie e piccole sconfitte della quotidianità.
La vita di provincia sembra esplodere in pezzi di solitudine infinita, ora che il dramma della violenza estrema si è consumata sulla strada buia di un tunnel senza via di uscita. Consumarsi e consumare, vivere o sopravvivere ignorando il groviglio dei pensieri che chiedono di essere ascoltati. Parole non dette e ora troppi interrogativi per acquietare la coscienza collettiva, quel contenitore spesso ricolmo di frasi fatte e di pregiudizi, di senso comune e univoca razionalità. La solitudine non ha un nome ne' un volto, cammina dentro e accanto a noi nella vita di sempre, e' una maschera che inganna la volontà e i desideri, lo specchio egoistico che distilla dolore e chiude
per sempre le porte al futuro. La schiavitù della droga sviluppa radici profonde, e' un'erba infestante che impedisce la crescita del pensiero libero e consapevole, del rispetto della vita e del suo significato. E di fronte alle parole di Lorenzo ( " ho paura") in fuga dopo il triplice omicidio e' doverosa la " pietas", quel sentimento che gli antichi romani conoscevano e coltivavano e che indica il valore intrinseco dell'umana condizione. Il  dolore e la perdita sono le nuove catene con le quali convivere, il riscatto di una gioventù che non ha conosciuto ne' conoscerà mai la vera libertà.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …