Passa ai contenuti principali

La libertà delle parole - di Laura Alberico

“ La filosofia non serve a nulla, dirai, ma sappi che proprio perché priva del legame di schiavitù è il sapere più nobile” ( Aristotele)
Partendo da questo inciso mi soffermo sul libro di Andrea Bajani  : “La scuola non serve a niente”.
Una frase che potrebbe sconvolgere gli schemi precostituiti se non fosse analizzata in un contesto appropriato dove la provocazione solleva interrogativi sulla funzione e la validità delle istituzioni in un periodo storico confuso e privo di saldi riferimenti. Per lo stesso autore il verbo “servire” si configura come logica dell’utilità, strumento concreto per raggiungere un determinato scopo; meglio sarebbe mettere in evidenza il termine “ coltivare” che indica capacità di prendersi cura degli alunni  in un ambiente di aggregazione e di comunità come la scuola. Quello che manca è la sinergia di lavoro che possa avvicinare i docenti agli alunni, un rinnovamento strutturale e pedagogico che possa colmare il “fossato” che divide gli uni dagli altri e nel quale si stratificano conformismi e false ideologie. Le tante riforme non hanno prodotto risultati incoraggianti, troppa burocrazia che testimonia ancora una struttura debole e poco aderente alla realtà, alla vita e ai desideri dei giovani. Come spiega lo psicoanalista Recalcati oggi c’è un grande desiderio di paternità, di restituzione alle origini dei sentimenti e delle emozioni ( “ L’unica cosa che può fare un insegnante, di fronte al discredito collettivo, è dare testimonianza di sé, plasmando l’istruzione con entusiasmo e metodi concreti, alternativi alla tradizione”). Un richiamo allo Stato del quale l’insegnante è parte integrante e che ha il compito di restituirgli l’autorità che gli è dovuta per legittimare la funzione educativa, oggi poco considerata o addirittura screditata da molti. Come dice Andrea Bajani “ oggi abbiamo bisogno di una scuola che faccia uscire i ragazzi con la capacità di immaginare un mondo diverso da quello che hanno consegnato loro, e non solo essere bravi ad inserirsi dentro caselle già disegnate”. E le parole testimoniano il desiderio di libertà e di comunicazione, di informazione e di trasmissione, in una sola parola, di cultura.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…