Passa ai contenuti principali

Avrà successo l’impresa del ministro S. Giannini? - di Enrico Maranzana

Il ministro Giannini ha annunciato che per fine luglio presenterà “una proposta precisa che riguarda i seguenti punti: autonomia e governance degli istituti, valutazione degli insegnanti e premialità, valutazione dei dirigenti scolastici”.

Quattro nodi da sciogliere, in sequenza.
Quattro raffinamenti dello stesso problema.
Quattro urgenze da affrontare e risolvere, per approssimazioni successive.
Al vertice è da porre la governance che risponde all’esigenza di condurre il sistema scolastico verso il fine istituzionale.
Definiti i traguardi e le forme organizzative si apre la questione dell’autonomia: quali decisioni sono da  assumere per orientare il servizio?
Esplicitata la dinamica gestionale, solo allora, possono essere concepiti i mandati da conferire a dirigenti e a docenti, strumenti essenziali per valutarne le prestazioni.


GOVERNANCE
Il canale di comunicazione che collega il parlamento al ministero è ostruito: i modelli di riferimento dei due organi divergono. 
Da un lato il legislatore che intende le discipline “strumento e occasione” per “promuovere l’apprendimento”, per “sviluppare capacità e competenze”; dall’altro lato l’esecutivo che si ispira alla tradizione universitaria, parcellizzata e versativa.
Da un lato il parlamento che fonda le sue elaborazioni sul “principio di distinzione” per differenziare le responsabilità di governo da quelle della direzione, dall’altro lato il ministero arroccato nell’obsoleta visione organizzativa lineare gerarchica.

Si rimanda in rete a “Coraggio! Organizziamo le scuole” e  a “Quale formazione per il dirigente scolastico” che mostrano la scuola secundum legem.


AUTONOMIA
Inequivocabile l’indirizzo impresso dal decreto sull’autonomia: la progettazione formativa, quella educativa e dell’istruzione sono la via da seguire per promuovere e consolidare le qualità degli studenti.
La progettazione è la chiave di volta della gestione scolastica: le risorse sono da piegare in funzione degli obiettivi.
La progettazione dovrebbe essere il lietmotiv dei Piani dell’Offerta Formativa.

Si rimanda in rete a “L’autonomia scolastica: un’araba fenice” che illustra l’autonomia in atto.


VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI
Responsabilità primaria del dirigente scolastico è la stesura degli ordini del giorno per la convocazioni degli organismi collegiali.  Un adempimento che, oltre a vincolare gli organi di governo al mandato loro conferito, consente di portare a unità l’apparato.
Il ministro Giannini, nell’intervista rilasciata a lastampa, ha focalizzato la questione quando ha affermato che intende intervenire su diversi punti tra cui  "la non attuazione di alcuni provvedimenti legislativi anche importanti"

VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI
La professionalità dei docenti si manifesta sia nell’attività di progettazione, sia in quella di gestione dell’aula. Un mansionario che espliciti i risultati attesi dalle diverse fasi dell’attività lavorativa eviterà indeterminatezza e fraintendimenti.
Tra i punti salienti si ricordano la
·         Definizione dei traguardi formativi per sciogliere i nodi del rapporto scuola-società, quale membro del Consiglio di circolo/d’istituto
·         Partecipazione alla “programmazione dell’azione educativa” del Collegio dei docenti per individuare le capacità sottese ai traguardi formativi, per formulare ipotesi per il loro conseguimento, per indicare le modalità, le fasi e i tempi del feed-back
·         Fattiva presenza nei Consigli di classe per la messa a punto d’itinerari unitari volti alla promozione e al monitoraggio delle capacità indicate dal Collegio
·         Interventi propositivi nel dipartimento disciplinare
·         Progettazione e realizzazione di occasioni d’apprendimento per ideare laboratori disciplinari atti a stimolare le competenze attraverso cui le capacità si manifestano
·         Documentazione del lavoro di classe
·         Autorevolezza in aula
·         Gestione dei rapporti interpersonali
·         Impegno operativo nei gruppi di lavoro.

Enrico Maranzana

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…