Passa ai contenuti principali

La voce delle donne - di Laura Alberico

Una delle tante  vittime della violenza maschile si definiva una Cenerentola piena d’amore. Donne tradite, violentate, ammazzate che non conosceranno mai il sentimento nel quale credevano e che idealizzavano.
Storie che rivelano la solitudine e la paura, il desiderio di liberarsi da uomini violenti ed aggressivi che, accecati dalla follia, distruggono in un solo momento ciò che non riescono a possedere. In una società civile per definizione sono fondamentali i diritti che devono essere sostenuti da leggi che salvaguardano la libertà di tutti. Ci sono tante Cenerentole alle quali purtroppo nessuna fata cambierà  il destino né riuscirà a colorare di ottimismo il futuro regalando loro un uomo diverso, il principe azzurro. Il colore dell’innocenza si è macchiato del sangue di tante vittime che chiedono a gran voce il riscatto, vite interrotte per mano di un amore malato che libera rabbia, prepotenza e violenza gratuite. Il femminicidio è un termine nuovo che indica la violenza sulle donne di cui quotidianamente sentiamo parlare. Donne uccise da compagni che non accettano di essere lasciati, che  usano violenza fisica e psicologica per affermare la loro superiorità. In questi ultimi anni  il numero delle vittime inconsapevoli è preoccupante ed è naturale interrogarsi sul motivo di questa inaudita violenza di genere. Il periodo storico che stiamo attraversando mette in luce una forte criticità del sistema economico e sociale, in questo contesto i legami affettivi ne risultano fortemente penalizzati e destabilizzati alle radici. E’ importante rilevare come l’educazione familiare verso i figli maschi sia ancora permeata dagli stereotipi di genere che raffigurano ancora le donne sottoposte ed ancora purtroppo “ oggetti” da dominare e piegare alla volontà del maschio. Questo modellamento avviene in famiglia dove si impara a comunicare verbalmente e fisicamente in modo violento e prevaricatore. Spesso chi ha imparato da piccolo a guardare o essere sottoposto a scene di violenza tenderà, da adulto, a riprodurle e a comportarsi da persecutore verso le persone più deboli e indifese. La società “ liquida” teorizzata da Bauman mette in evidenza come il consumismo della post-modernità coinvolga anche i legami affettivi che sono spesso superficiali e fragili e vengono considerati e vissuti come oggetti concreti da usare senza il coinvolgimento intimo ed emotivo.  La voce sottomessa e flebile di tante donne è diventata oggi un coro di protesta e di ribellione, un grido di dolore che chiede rispetto e dignità, il desiderio di un amore vero nel quale credere e riconoscersi, il sentimento che molti uomini ancora ignorano.

Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…