Passa ai contenuti principali

Uomo e natura : corsi e ricorsi storici - di Laura Alberico

Ci meravigliamo sempre di fronte alle conseguenze dei cambiamenti climatici, assistiamo ormai da diversi anni ai disastri ambientali che appaiono adesso più intensi e improvvisi. Ma non è tutto colpa del caso o del destino, per chi crede in un disegno già preordinato e impossibile da cambiare. L'uomo e la natura hanno vissuto sempre in stretto contatto, entrambi capaci di interagire e scambiare le fonti di energia necessarie per la sopravvivenza e la vita in generale.
I cambiamenti climatici, anche se costituiscono una naturale evoluzione della trasformazione del sistema ambientale, sono pur sempre la testimonianza della fragilità dei legami che l'uomo ha stabilito con  esso. La storia dell'uomo e' la stessa storia di una natura    che si è piegata e modellata sotto ripetute e spesso incontrollabili azioni di sfruttamento e impoverimento delle risorse . Il riscaldamento globale e' ormai un fenomeno accertato, un lento e progressivo segnale della natura che non riesce più a sostenere il suo orologio biologico perché il clima e' cambiato anche e soprattutto a causa delle attività umane che, dalla rivoluzione industriale in poi, hanno trasformato il panorama sociale ed economico dell'intera collettività. Il paesaggio naturale e' stato sostituito in grande scala da un paesaggio artificiale, modifiche spesso arbitrarie e non monitorate che hanno trasformato il contesto urbano e geologico del territorio. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti e il dissesto idrogeologico si manifesta in tutta la sua gravità evidenziando le condizioni critiche delle relazioni tra uomo e ambiente. Come un boomerang che ritorna indietro tutte le azioni che negli anni hanno avuto lo scopo di impoverire e modificare il territorio si sono sommate provocando conseguenze ed effetti disastrosi. Il rischio ambientale e' stato sottovalutato o addirittura ignorato;  la prevenzione rappresenta ancora un insieme di leggi ben formulate che restano spesso solo sulla carta e vengono rispolverate  e ricordate dai mezzi di comunicazione quando accadono fenomeni meteorologici estremi. La memoria insegna anche a capire e interpretare il passato, a non ripetere gli errori, a cercare di migliorare il presente e a progettare un futuro sostenibile.  Per  questo e' necessario guardare la natura in modo diverso restituendole lo spazio che le appartiene, un diritto che deve essere rispettato e salvaguardato  per il bene di tutti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…