Passa ai contenuti principali

Furti negli appartamenti - di Francesco Lena

I furti negli appartamenti negli ultimi anni, sono aumentati considerevolmente; è diventata ormai un'emergenza, un fenomeno preoccupante, che deve essere, approfondito, analizzato, per poi trovare delle soluzioni efficaci, per combattere questi ladri, questi delinquenti, per debellare la criminalità.
La tensione dei cittadini, della gente sta salendo, mette ansia, la voglia di sicurezza nelle proprie abitazioni, e il diritto di essere tutelati delle forze dell'ordine, da chi di dovere, dalle forze preposte al controllo del territorio.
Siamo arrivati ad una situazione veramente seria, e se chiediamo ai cittadini, quale è il problema più importante, più urgente, al primo posto metteranno la salute, ma subito al secondo posto ci sarà la sicurezza in casa e fuori. Allora io dico che il governo deve con urgenza elaborare un programma, un piano, per combattere questa delinquenza, risolvere il problema e garantire la sicurezza ai cittadini, prima creando un coordinamento tra tutte le forze dell'ordine per utilizzare al meglio le risorse, poi assumendo personale a sufficienza, in base al fa bisogno della situazione attuale, facendolo subito: assumere poliziotti in pensione, che hanno già la preparazione professionale ed esperienza, per pattugliare e controllare meglio il territorio, procurare mezzi moderni ed a sufficienza, video telecamere in tutti i posti strategici.
I prefetti, attuino una strategia unitaria di tutti i soggetti provinciali addetti alla sorveglianza, ai controlli e alla sicurezza. I sindaci, collaborino con le forze dell'ordine del territorio, chiedano personale e mezzi a sufficienza, per controllare al meglio il territorio, istituendo un coordinamento di tutte le forze dell'ordine pubblico sul territorio, polizia municipale, carabinieri, guardia di finanza, polizia di stato, per elaborare e mettere in atto una strategia di prevenzione, di intervento unitario, per presidiare meglio la situazione nelle ore più a rischio di furti, sia garantito il pattugliamento e la sicurezza dei cittadini. Poi coinvolgere i cittadini, invitarli a collaborare con le amministrazioni comunali e tra di loro, i sindaci consegnando una guida ben dettagliata, cosa fare e non fare sul tema della sicurezza. In diversi luoghi, comuni, parlano o sperimentano, ronde o gruppi privati per la sicurezza.
Io penso che le ronde migliori e più efficaci, siano la collaborazione e la coesione tra cittadini: quando vedono situazioni sospette o anomale, tutti possiedono un telefonino per fare il numero 112 per segnalarle.
Poi, cari cittadini, paghiamo le tasse anche per avere un servizio, delle forze dell'ordine, che ci garantiscano la sicurezza in casa e fuori, dobbiamo chiederlo con forza e pretenderlo, è un nostro diritto.
Infine c'è la parte fondamentale, da coltivare e far crescere, la cultura dell'onestà, del rispetto delle leggi, del rispetto delle regole.
Qui tutti dobbiamo fare la nostra parte per costruire una società, più onesta, a partire dalle istituzioni ad ogni livello, dai mezzi di informazione alla scuola, dalle associazioni alla chiesa, ricordando il messaggio tanto bello ed efficace, di PAPA FRANCESCO, di non portare a casa il pane sporco, ai propri famigliari, ai propri figli, che fa molto male a chi lo porta a casa, ma anche per tutta la società, il pane pulito è più saporito, più sano e fa più bene a tutti.
L'onestà è un valore troppo bello, tutti dobbiamo impegnarci, perché, prevalga in tutte le nostre menti, in tutte le nostre azioni di ogni giorno, dando il buon esempio di correttezza. Se faremo questo con grande impegno e responsabilità, contribuiremo sicuramente con efficacia, a costruire una società migliore, più onesta, più sicura in casa e fuori in cui vivere tutti un po’ più tranquilli e più sereni.

Francesco Lena
Via Provinciale, 37

24060 Cenate Sopra ( BG ) Tel. 0035/956434

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…