Passa ai contenuti principali

Pace e libertà di culto per i cristiani in Siria - di Citizen GO

Petizione di CitizenGO (http://www.citizengo.org/it/3002-pace-e-liberta-di-culto-i-cristiani-siria), finalizzata a promuovere la partecipazione di una delegazione della minoranza cristiana ai negoziati di pace in Siria che si terranno a Ginevra dal prossimo 22 gennaio.
La comunità cristiana del Paese mediorientale è stata (ed è ancora) probabilmente il gruppo religioso più colpito dall'attuale guerra civile, che vede i ribelli islamisti opporsi al regime di Bashar al-Assad. Dopo quasi tre anni di conflitto, i circa 2.6 milioni di siriani di fede cristiana sono ancora vittime di persecuzioni, violenze e atti intimidatori, tanto da mettere a repentaglio la stessa esistenza della comunità cristiana siriaca.
Nonostante questo scenario, le grandi potenze mondiali e le Nazioni Unite, che stanno intavolando i negoziati di pace tra le fazioni in conflitto, non hanno ritenuto di dover invitare nessun rappresentante della minoranza cristiana(corrispondente a circa il 12% dell'intera popolazione siriana) alla conferenza di pace che inizierà a Ginevra il prossimo 22 gennaio.
Ci è sembrato significativo sostenere l'azione della Christian Coalition for Syria, che intende proporre l'immediata fine delle ostilità nel Paese e che promuove l'adozione di una costituzione democratica e rispettosa delle numerose minoranze etniche e religiose che vivono nella regione. Ma per affermare tutto ciò e difendere i diritti e le libertà dei cristiani siriaci, i delegati dell'organizzazione devono essere ammessi ai negoziati di pace di Ginevra, cosa che finora è sempre stata loro negata.
Con questa petizione (http://www.citizengo.org/it/3002-pace-e-liberta-di-culto-i-cristiani-siria), vogliamo sostenere proprio questa partecipazione. La lista con tutte le firme sarà inviate alla Christian Coalition for Syria, che si sta impegnando nella raccolta di dichiarazioni di sostegno da parte di organizzazioni e cittadini.
La libertà religiosa rappresenta il primo dei diritti fondamentali sanciti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo e da tutte le carte dei diritti riconosciute a livello internazionale, ma soprattutto costituisce uno dei contributi più importanti della cultura cristiana a questi documenti. In questo momento storico, in Siria proprio ai cristiani viene negato l'elementare diritto a professare liberamente la propria fede religiosa. Con un piccolo gesto come questa firma (http://www.citizengo.org/it/3002-pace-e-liberta-di-culto-i-cristiani-siria), possiamo contribuire ad assicurare ai nostri fratelli siriani la stessa libertà di culto e di religione di cui godiamo nelle nostre democrazie occidentali.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…