Passa ai contenuti principali

Il Natale per rinascere - di Laura Alberico

Mancano pochi giorni ad una tra le ricorrenze più significative, un periodo magico  che assomiglia quasi a una simbolica gestazione, quella in cui  tutti si riconoscono nell'immaginario collettivo come portatori di un cambiamento, una profonda e intima comunione che scopre e illumina la fantasia e la realtà. In questa prospettiva i desideri sembrano tingersi di un roseo ottimismo, un colore che nasce e si rinnova come un miracolo terreno di felicità e serenità.
Bambini e adulti riscoprono i buoni sentimenti, quelle emozioni che cancellano le distanze e tendono la mano alla speranza di un futuro migliore, per ognuno e per tutti. Il Natale per rinascere non è solo quello che ci inonda di luci e gratifica gli occhi, e' anche e soprattutto il ritorno alle origini, le radici dei ricordi che fanno parte della nostra vita, un passato nel quale abbiamo aperto le stanze del nostro cuore condividendo gesti, parole, emozioni con le persone care. Il Natale e' una favola infinita che testimonia la nascita e la rinascita, il tempo che alimenta e lievita  la crescita interiore  e genera nuove aspettative. L'albero e il presepe rappresentano entrambi il simbolo della semplicità e della verità, l'attesa della rivelazione che concretizza il bisogno di rinnovamento, di giustizia e di serenità.  Per questo il gesto di donare diventa lo specchio nel quale il cuore e la ragione si incontrano e riescono, come per incanto, a risplendere di luce propria.
Laura Alberico

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…