Passa ai contenuti principali

La generazione del "mordi e fuggi" - di Laura Alberico

Le recenti notizie di cronaca portano alla luce i comportamenti trasgressivi di molti adolescenti. Come sempre si cerca di trovare le cause del disagio, ci si interroga su come e perché  questa società abbia stravolto radicalmente le naturali tappe biologiche della crescita determinando conseguenze così distruttive e alienanti.
L'uso, anche in età molto giovane, della droga, la mercificazione del proprio corpo in modo sbrigativo e inconsapevole rappresentano il dettato consumistico che rende schiavi dell'apparenza e della fame virtuale di una comunicazione sempre più povera di emozioni e sentimenti. La crisi dell'istituzione familiare ha privato i giovani di importanti punti di riferimento che, nel periodo adolescenziale rappresentano modelli da imitare e dai quali trarre validi insegnamenti per il futuro. Una generazione che guarda solo al presente, al dio denaro che rende felici e con il quale si può trasgredire o  annullarsi non è certamente dotata di maturità e consapevolezza se si considerano anche i danni neurologici che le sostanze stupefacenti provocano inibendo lo sviluppo della corteccia prefrontale ( area destinata al controllo delle spinte istintuali e alla pianificazione del comportamento ). Le scelte di tanti giovani sembrano dettate dall'impulso del " tutto e ora", agire senza maturare una riflessione o un coinvolgimento intimo. Manca l'alfabetizzazione emotiva che lega il corpo alla mente e viceversa, quel percorso di conquiste ed errori necessario per crescere e sviluppare autonomia e senso critico. In questo mondo gravido di parole le stesse hanno perso il loro significato, contratte nel linguaggio simbolico della comunicazione tra i pari non esprimono più emozioni ma soltanto azioni, spesso aggressive, segnali allarmanti di una fragilità che si nasconde dietro la corazza dell'apatia o della violenza. La famiglia e la scuola possono e devono prendersi carico dei segnali di disagio più o meno manifesti, interpretarli significa offrire valide opportunità di crescita. L'obiettivo comune e' quello di restituire  ai giovani la dimensione che a loro compete, l'età del passaggio e del cambiamento senza bruciare le tappe per diventare soltanto l'immagine sbiadita di una innaturale metamorfosi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Il canto dell’usignolo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto VII - ottave 32-37
Prima parte. Canti I-IV. La prima parte tratta dell’innamoramento di Venere e Adone. - Cupido, per vendetta, fa in modo che la madre si innamori di un mortale, Adone, approdato nell’isola di Cipro: dapprima Venere si innamora di lui vedendolo addormentato sulla spiaggia dove è approdato; in seguito Adone si innamora a sua volta di Venere, dopo aver curato una ferita alla gamba.   - Dopo l’innamoramento, tre personaggi, Cupido, Clizio e Mercurio si occupano dell’iniziazione di Adone, attraverso una lunga serie di esperienze estetiche. Seconda parte. Canti V-XI. In questo gruppo di canti viene descritta l’iniziazione di Adone.  - innanzitutto vi è l’iniziazione ai piaceri dei sensi: Adone viene condotto attraverso il giardino del piacere;  - quindi si passa alle delizie dell’intelletto e delle arti;  - infine Adone viene avviato alla scienza moderna; Al termine di queste esperienze Mercurio può celebrare il matrimonio tra Adone…

Le idi di marzo di Valerio Massimo Manfredi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videorecensione del professore su youtube
qui sotto: audiorecensione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
AUDIO "Le idi di marzo" di Valerio Massimo Manfredi in formato mp3, disponibile anche in formato audio wma
Le idi di marzoValerio Massimo ManfrediRelazione di narrativa di Melissa Galloni 2aD Titolo1. Il titolo del libro che ho letto questo mese è “Idi di Marzo”. Autore2. L’autore è Valerio Massimo Manfredi, un archeologo specialista in topografia del mondo antico. Ha insegnato in prestigiosi atenei in Italia e all’estero e condotto spedizioni e scavi in vari siti del Mediterraneo. Ha scritto numerosi saggi in campo accademico ed è, inoltre, autore di narrativa presso la Mondadori con ,ad esempio, “La Torre della Solitudine”, “L’ultima legione”… Riassunto3. Questo libro ripercorre gli ultimi giorni di vita di Giulio Cesare (pontefice massimo, capo militare..), che, all’età di cinquantasei anni,è ormai stanco e malato. …